cane ora

Non è uno scherzo. I nostri amici a quattro zampe e in generale gli animali conoscono il tempo. Nel cervello è presente infatti una sorta di "orologio" interno che permette loro di regolarsi dal punto di vista temporale.

Un nuovo studio della Northwestern University ha trovato alcune delle prove più chiare. Esaminando la corteccia entorinale mediale del cervello, i ricercatori hanno scoperto infatti un insieme precedentemente sconosciuto di neuroni che si accendono come un orologio quando un animale è in attesa.

"Il tuo cane sa che ti ci è voluto il doppio del tempo per prendere il cibo rispetto a ieri? Non c'era una buona risposta a questo domanda finora", ha detto Daniel Dombeck, che ha guidato lo studio. "Questo è uno degli esperimenti più convincenti per dimostrare che gli animali abbiano davvero una rappresentazione esplicita del tempo nel loro cervello quando sono sfidati a misurarne un intervallo."

Il team si è concentrato sulla corteccia entorinale mediale, un'area situata nel lobo temporale associato alla memoria e al movimento. Poiché questa parte del cervello codifica informazioni spaziali in memorie episodiche, Dombeck ha ipotizzato che l'area potrebbe anche essere responsabile del tempo.

"Ogni ricordo è un po' diverso", ha detto James Heys, che ha partecipato allo studio. "Ma ci sono due caratteristiche principali di tutti i ricordi episodici: spazio e tempo. Accadono sempre in un ambiente particolare e sono sempre strutturati nel tempo. "

Per testare la loro ipotesi, Dombeck e Heys hanno creato un test chiamato "compito virtuale fermaporta". Nell'esperimento, un topo girava su un tapis roulant fisico in un ambiente di realtà virtuale. Il topo correva giù per un corridoio verso una porta che si trovava a circa metà della pista. Dopo sei secondi, la porta si apriva, permettendo al topo di proseguire lungo il corridoio per ricevere la sua ricompensa.

Dopo diverse prove, i ricercatori hanno reso la porta invisibile nella scena della realtà virtuale. Nel nuovo scenario, il topo sapeva ancora dove si trovava l'uscio, ora invisibile, in base alle textures mutevoli del pavimento. E ha aspettato ancora 6 secondi prima di lanciarsi a raccogliere la sua ricompensa.

"Il punto importante qui è che il topo non sa quando la porta è aperta o chiusa perché è invisibile", ha detto Heys "L'unico modo in cui può risolvere questo compito in modo efficiente è usare il senso del tempo interno del suo cervello."

Cos'è accaduto nella sua mente? Durante le attività, gli scienziati hanno visto che mentre gli animali arrivavano alla porta invisibile, alcune cellule si attivavano.

"Non solo le cellule sono attive durante il riposo ma in realtà codificano anche per quanto tempo l'animale si è riposato".

L'implicazione del lavoro si espande ben oltre l'impazienza del nostro cane che reclama la ciotola piena. La scoperta di questi nuovi neuroni che codificano il tempo può aiutare i ricercatori a capire come le malattie neurodegenerative potrebbero influenzare questo insieme di cellule.

"I pazienti con malattia di Alzheimer in particolare dimenticano quando le cose sono successe forse perché perdono alcune delle funzioni di base della corteccia entorinale, che è una delle prime regioni cerebrali colpite dalla malattia" ha detto Heys.

La ricerca è stata pubblicata su Nature Neuroscience.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram