veleno in strada

Con l’arrivo della bella stagione, nel tentativo di allontanare o eliminare zanzare, blatte e altri insetti, sono molti coloro che ricorrono al fai da te cospargendo il portone di casa (che dà sulla strada) di insetticidi e veleni in polvere che possono essere letali per i nostri cani o gatti.

Esche, bocconi e veleno in strada

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. Intanto il ministero della Salute vieta a chiunque utilizzare in modo improprio, preparare, miscelare e abbandonare esche e bocconi avvelenati o contenenti sostanze nocive o tossiche, compresi vetri, plastiche e metalli o materiale esplodente, che possono causare intossicazioni o lesioni o la morte del soggetto che li ingerisce.

Ma anche per quel che riguarda la malsana abitudine di cospargere veleno davanti ai negozi o ai portoni di casa, il ministero parla chiaro: è vietato il fai da te perché le operazioni di disinfestazione e di derattizzazione devono essere eseguite da imprese specializzate ed effettuate mediante l'impiego di prodotti autorizzati con modalità tali da non nuocere in alcun modo alle persone e alle altre specie animali.

veleno strada1

Foto

Disinfestazione: spetta alle ditte autorizzate

Solitamente è il comune che incarica le ditte a procedere ed ha l’obbligo di informare e pubblicizzare il calendario con almeno cinque giorni lavorativi di anticipo, cosicché i residenti siano informati per tempo e possano preservare i propri animali domestici.

Gli avvisi devono contenere l'indicazione di pericolo per la presenza del veleno, gli elementi identificativi del responsabile del trattamento, la durata del trattamento e l'indicazione delle sostanze utilizzate e dei relativi antidoti.

Al termine delle operazioni il responsabile della ditta specializzata provvede alla bonifica del sito mediante il ritiro delle esche non utilizzate e delle carcasse di ratti o di altri animali deceduti, informando l'azienda sanitaria locale e l'Istituto zooprofilattico sperimentale territorialmente competenti in caso di recupero di specie non infestanti.

Quindi il tutto è ben lontano da scie bianche, secchiate di acqua e creolina, di insetticidi gettati nello scarico che potrebbero inquinare tonnellate di acqua del mare.

Il ministero, riferendosi al famoso fai da te, stabilisce che la presenza di veleni o sostanze tossiche abbandonate nell'ambiente rappresenta "un serio rischio per la popolazione umana, in particolare per i bambini, ed e' anche causa di contaminazione ambientale, oltre che causa di danni al patrimonio faunistico, ivi comprese le specie in via d'estinzione".

disinfestazione

Veleno in strada: cosa faccio?

L’ordinanza si è resa necessaria proprio per il persistere di numerosi episodi di decesso di animali domestici dopo aver annusato o ingerito queste sostanze tossiche, che non fanno bene neanche alla salute umane e possono comportare problemi respiratori o eritemi.

Se notate quindi delle strisce bianche sospette e siete sicuri che non siano opera di ditte autorizzate dal vostro comune di residenza (lo potete scoprire facilmente dal calendario affisso in strada o reso pubblico sul sito dell’amministrazione), segnalate subito alle forze dell’ordine, in particolare i vigili urbani, la presenza di veleno.

Il mio cane o gatto ha ingerito veleno, cosa faccio?

Intanto diciamo, che l’immediata individuazione di un avvelenamento può essere il fattore decisivo per salvare la vita al nostro cane. Purtroppo il nostro amico a quattro zampe può essere esposto a diversi veleni come la stricnina, il metaldeide, i diserbanti e i veleni contro i topi, che agiscono subito e, se non diagnosticati velocemente, sono letali.

Con questi veleni, infatti, dai 30 minuti alle 2 ore dopo l’ingestione il cane o gatto presenta arti rigidi, salivazione eccessiva, difficoltà a respirare, vomito, diarrea, crisi convulsive.

cane veleno

Ma i casi sono diversi a seconda poi dei veleni che possono anche causare delle emorragie silenziose. In ogni caso se avete il sospetto, chiamate immediatamente il veterinario o la guardia medica veterinaria.

Nell’attesa del veterinario e dopo aver consultato il suo parere potete cercare di far vomitare il cane o gatto somministrando acqua salata, ma mai del latte. Cercate poi di farlo stare tranquillo e di assicurargli la vostra presenza. Una volta che l’animale è fuori pericolo passata alla denuncia che dovrà essere fatta anche dal veterinario a cui vi siete affidati.

cane veleno1

Ricordate, comunque, che l’unico che può darvi consigli sul da farsi è il vostro veterinario, evitate il fai da te che anche se fatto a fin di bene, potrebbe costare la vita al vostro amico a quattro zampe.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto

kipli materassi

KIPLI

Il materasso KIPLI fatto al 100% di lattice naturale. Provalo per 100 giorni!

tuvali 320 a

TuVali

+ di 100 corsi su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
oli essenziali
ricette
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
banner calendario
corsi pagamento
whatsapp gratis
seguici su instagram