cane-orso

È già stato ribattezzato come il cane orso per via del suo simpatico aspetto: nel colore e nella forma del muso ricorda tanto un piccolo grizzly, ma ciò che colpisce di più è il fatto che questo cagnolino è così spaventato da non riuscire a trovare una casa.

Nella città di Chelyabinsk in Russia da qualche tempo vive in un rifugio Medvebaka, che significa appunto cane orso, un amico a quattro zampe salvato dalla strada dopo diversi avvistamenti. Il randagio che come dicevamo nell’aspetto assomiglia a un orso, non è l’incrocio di nessun essere strano, ma secondo i veterinari, è probabilmente il frutto dell’unione di un Chow Chow e di un altro cane dal muso lungo.

Nel corpo dal pelo folto, infatti, Medvebaka ricorda molto questa razza cinese e anche nel colore blu della lingua. Se sia nato da un esperimento fatto da un allevatore senza scrupoli o sia semplicemente il cucciolo di due randagi, non è ancora stato definito. Quel che è certo, vista la diffidenza dell’animale, è che la sua vita non è stata facile.

Partiamo dall’inizio. Dopo vari avvistamenti, alcuni abitanti di un quartiere russo per salvarlo dal freddo, dal gelo e dalla fame, avevano tentato di avvicinarsi al cane orso che sarebbe stato abbandonato dai precedenti proprietari, commercianti al mercato di Chelyabinsk.

cane orso

Probabilmente maltrattato e poi lasciato in strada (forse perché 'non perfetto' o di razza pura), il cane ha sviluppato una forte diffidenza nei confronti dell’uomo, ma anche degli altri simili. Secondo Polina Kefer, la volontaria del rifugio per animali di Nash Dom:

"Il cane vive un forte stress. Cerchiamo una famiglia veramente esperta per lui, ma non l’abbiamo ancora trovata. Tempo fa, era stato adottato, ma è stato riportato indietro dopo pochi giorni”, spiega la volontaria.

Medvebaka a causa del suo passato turbolento non socializza, tende a mordere e non si lascia avvicinare, anche adesso sta isolato e non mostra alcun interesse nel farsi degli amici.

cane orso1

"Abbiamo fatto tanti tentativi, ma per adesso tutto è stato vano. Probabilmente ci vorranno mesi per aiutarlo a fidarsi di nuovo delle persone”, continua Kefer.

L’obiettivo quindi rimane quello di trovare una casa per il piccolo cane orso e fargli ritrovare un po’ di fiducia.

Dominella Trunfio

Foto: Polina Kefer

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram