levrieri_uccisi_spagna

Lapidati, impiccati, affogati, bruciati con la benzina, sepolti vivi, torturati. Ogni anno in Spagna, 50mila levrieri vengono abbandonati, uccisi e gettati nei pozzi, a conclusione di una vita fatta di maltrattamenti e botte.

È un olocausto che si consuma a due passi da noi quello che vede tristemente protagonisti i galgos e i podencos, i più comuni cani da caccia di La Mancha, Andalucia e Extremadura.

Da settembre a fine gennaio, sono ‘strumenti’ utili per la caccia: con il loro fiuto fenomenale e la loro agilità catturano lepri e conigli, ma se non corrispondono agli standard e le aspettative dei proprietari hanno un destino che fa rima con morte.

In generale, in Spagna i levrieri utilizzati per la caccia hanno una speranza di vita media di tre o cinque anni, quelli che servono alla riproduzione arrivano anche a sette, otto. Nel momento in cui, non riescono più ad assolvere ai compiti dettati dai proprietari diventano un peso di cui disfarsi. 

In realtà, la selezione inizia già dalla nascita, vengono eliminati in modo barbaro, tutti i cuccioli che sembrano non adatti alla caccia o sono troppo delicati o paurosi davanti ai colpi di arma da fuoco o che mangiano la preda una volta catturata.

LEGGI anche: NON GUARDATE IL FILM 'QUA LA ZAMPA': CANE MALTRATTATO SUL SET (VIDEO)

levrieri uccisi spagna

Quelli che superano ‘la selezione’ iniziale però non hanno un futuro roseo davanti: li aspetta una vita di maltrattamenti e stenti. I levrieri sono malnutriti e tenuti in spazi bui e ristretti per paura che vengano rapiti.

Una razza antica che viene bistrattata e che ogni anno conta 50mila esemplari in meno. Per il galghero, infatti, ha più senso acquistare a dieci euro ciascuno, altri galgos o podencos piuttosto che nutrire quelli che già si possiedono.

Così se ne sbarazzano nel modo più crudele che esista. I levrieri vengono portati nei campi e non tornano più a casa. Impiccati, affogati, lapidati, bruciati con la benzina, sepolti vivi e privati delle zampe per impedire che possano tornare.

LEGGI anche: MALTRATTAMENTO ANIMALI: 10 ORRIBILI PRATICHE CHE LA CINA DOVREBBE ABOLIRE

levrieri uccisi spagna1

I numeri sono comunque approssimativi perché la maggior parte dei galgheri, non registra i cani all'anagrafe, non li vaccina, quindi sono praticamente inesistenti sul territorio.

Ma le autorità spagnole sono a conoscenza di tutto ciò, ma finora non è stato preso nessun provvedimento, che ponga fine a questa inutile tortura. Le leggi, al contrario vanno in direzione degli allevatori.

levrieri uccisi spagna2.

I galgos sono considerati cani da lavoro e sono esclusi dalle normative in materia di crudeltà di cui godono gli animali domestici. Sono quindi, strumenti da utilizzare e poi gettare via quando non servono più.

Inoltre, per testare la velocità dei levrieri, essi vengono legati a una macchina o una moto. Questa pratica è solo un illecito amministrativo e non una pena criminale, a meno che non si causa la morte del cane.

LEGGI anche: MALTRATTAMENTI SUGLI ANIMALI: COMMESSI DA OLTRE IL 14% DEGLI ADOLESCENTI ITALIANI

maltrattamento galgo

Da un lato c’è la Federazione spagnola delle associazioni per la protezione degli animali che ha denunciato davanti al governo il massacro dei levrieri chiedendo, con il sostegno di 50mila firme, di proibire l’uso dei cani da corsa nella caccia, dall’altro gruppi che proteggono gli interessi dei cacciatori appellandosi alla tradizione. Parole che ci ricordano tanto la dinamica della corrida.

Per fortuna, centinaia di organizzazioni lottano contro l’uccisione dei levrieri e la punizione dei trasgressori, ma purtroppo sono troppi gli interessi economici che ruotano attorno a queste vittime innocenti.

Come adottare un levrierio spagnolo

Per salvare un levriero spagnolo da una fine così crudele, l'unica strada percorribile è l'adozione. Ci sono tante associazioni che si occupano di trovare una casa a questi splendidi ed eleganti cani.

A partire dall'Enpa Progetto Spagna, qui è possibile visionare tutta la procedura da intraprendere per l'adozione, c'è poi Progetto Galgo con sede a Bergamo, qui i cani che aspettano una casa, ancora Adozione Levrieri che è il primo centro italiano che si è occupato di questo triste fenomeno., clicca qui per le informazioni. 

Di associazioni che direttamente in Italia si occupano dell'adozione ce ne sono tante, consigliamo di cercare quella più vicina a voi. 

Dominella Trunfio

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram