@ronstik /123rf

Bonus zanzariere 2021: come funziona e chi può usufruirne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Torna anche quest’anno il bonus zanzariere, che devono avere però delle precise caratteristiche per raggiungere la schermatura della casa e, di conseguenza, un miglioramento dell’efficienza energetica. Si può usufruire dello sgravio fiscale sull’acquisto di questo prodotto fino al 31 dicembre del 2021. È previsto un limite massimo di spesa detraibile pari a 60mila euro. Vediamo in cosa consiste nel dettaglio.

Come funziona il bonus zanzariere 

La detrazione fiscale, che rientra nell’Ecobonus, consiste in una riduzione delle imposte Irpef o Iref per un importo pari al 50% della spesa sostenuta per acquistare o installare zanzariere con schermatura solare.

Per usufruire dell’agevolazione le zanzariere possono essere installate su immobili di qualsiasi categoria catastale. Tuttavia devono essere già esistenti, regolarmente accatastati e in pari con il pagamento di tributi e oneri. Quindi, il bonus non può essere utilizzato per gli interventi su proprietà in costruzione.

Chi può usufruire del bonus 

Possono accedere al bonus zanzariere i proprietari di unità immobiliari (persone fisiche o giuridiche), ma anche nudi proprietari  (ovvero chi ha il diritto di proprietà su un immobile, ma non il diritto di goderne l’uso) e chiunque abbia un diritto di godimento reale sull’immobile. Sono ammessi anche gli affittuari, purché siano d’accordo con il proprietario e sostengano le spese. 

Anche chi vive in un condominio può usufruire del bonus zanzariere. Per farlo è necessario presentare il progetto durante l’assemblea condominiale e ottenere l’approvazione del condominio per poter eseguire i lavori (nel caso in cui il regolamento condominiale lo preveda). Pure il condominio può accedere al bonus per la schermatura di finestre che si trovano in parti comuni della struttura. 

Requisiti delle zanzariere 

Per usufruire del bonus zanzariere, queste ultime devono avere delle precise caratteristiche: essere fisse (quindi installate in modo stabile, non sono ammesse le zanzariere montabili e smontabili); installate su una superficie vetrata (ad esempio finestra, porta vetrata) in qualsiasi modo esposta; regolabili (pe permettere un facile utilizzo in base all’intensità solare); rispettose delle normative nazionali e locali in materia di efficienza energetica; dotate di marcatura CE.

Inoltre, come chiarito dall’Agenzia delle Entrate, le zanzariere devono fare anche da schermatura solare. Ciò significa che devono quindi rispettare le esigenze di trasmittanza termica U e avere un valore Gtot (che indica il fattore solare) maggiore di 0,35.

Fonte: Enea

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Consorzio del Prosecco

Salvaguardia della biodiversità e superfici destinate a siepi e boschetti: il contributo del Consorzio del Prosecco

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook