Tiny House: il villaggio di micro case di Washington DC (foto)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tiny house: sono milioni le persone che in tutto il mondo stanno scegliendo innovative soluzioni abitative piccole, compatte e, soprattutto, economiche in cui vivere. È soprattutto negli States che le micro-case stanno partendo alla conquista di un nuovo modo di pensare e costruire edifici.

Lo dimostrano chiaramente gli abitanti di Boneyard Studios, che nel 2012 hanno dato vita a un intero villaggio di piccole case piccoli su ruote, con tanto di fiorenti giardini biologici. E non lo hanno fatto in una landa desolata, ma all’interno della capitale degli Usa, Washington DC.

La missione è nobile e va al di là del semplice abitare. L’obiettivo, infatti, è quello di dimostrare che è possibile creare un tessuto urbano creativo all’interno dei tanti lotti liberi della città, promuovendo il modello estremamente conveniente, semplice, verde e attraente delle Tiny house e sviluppando la capacità e la creatività di progettisti e costruttori.

A Boneyard Studios, infatti, si può imparare tutto quello che c’è da sapere su progettazione, costruzione e living di case che sono non più grande di 60 metri quadrati. Qui si sta anche lavorando duramente per convincere i funzionari della città a rivedere i codici obsoleti di pianificazione urbana, in modo da permettere effettivamente alle persone di vivere nelle loro casucce a basso impatto a tempo pieno.

Ci sono attualmente quattro Tiny house in mostra a Boneyard Studios: Minim House, la pluripremiata creazione di Brian, grande poco più di 60 metri quadrati, The Matchbox di Jay e Pera House di Lee, entrambe con appena 40 metri quadrati, e, infine, Indulgent Restraint di Elaine, della modica metratura di circa 36 mq. Inabitabili? Ricredetivi guardando queste foto:

Roberta Ragni

Foto e fonte

LEGGI anche:

Tiny House: ecco la micro-casa sostenibile a misura di studente (video e foto)

Mushroom Tiny House: la prima casa costruita con i funghi

Tiny House: come ottenere 8 stanze in pochi metri quadrati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook