Terremoti: dall’Enea un intonaco in fibra di vetro per rinforzare gli edifici a rischio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Monitoraggio sismico: un particolare intonaco realizzato con una serie di materiali compositi – già in uso nei settori aeronautico e automobilistico – potrebbe rinforzare le abitazioni nelle zone a rischio terremoti. È questo l’obiettivo del centro di ricerche Enea, che durante prove in laboratorio ha verificato un sistema di rinforzo strutturale poco invasivo a base di fibra di vetro. Rigorosamente Made in Italy.

In collaborazione con l’Università degli Studi Roma Tre, sono così stati effettuati dei test alle tavole vibranti del Centro Ricerche ENEA Casaccia, eseguiti su una struttura a U formata da tre pareti in malta e tufo, aperture asimmetriche e tetto in travi di legno.

I test sono stati svolti sulle tre pareti, di cui una centrale e due laterali, che già a novembre scorso erano state portate a danneggiamento dopo essere state sottoposte a scosse che riproducevano i terremoti a intensità crescenti di Nocera Umbra (1997), L’Aquila (2009), Emilia (2012) e Norcia (2016).

Per prendere misura dell’aumento della “capacità sismica”, due pareti su tre sono state riparate e rinforzate con un intonaco armato con rete in fibra di vetro, un sistema di rinforzo a basso costo e realizzabile senza la necessità di evacuare le abitazioni.

muro enea

Ebbene “le pareti rinforzate con questa rete in fibra di vetro hanno resistito a sismi amplificati al 220% di intensità, quindi oltre il doppio rispetto ai terremoti più violenti del 2016, mentre la parete non rinforzata ha riportato forti lesioni già a intensità 120%, quindi in concomitanza delle accelerazioni al suolo del sisma di due anni faspiega Gerardo De Canio, responsabile Laboratorio Tecnologie per l’Innovazione Sostenibile dell’Enea. Per contrastare la tendenza al ribaltamento, quest’ultima parete è stata riparata applicando una barra d’acciaio, la cosiddetta ‘catena’, in modo da consentire alla struttura di raggiungere lo ‘stato limite ultimo’, cioè il valore estremo della capacità portante, a dimostrazione dell’efficacia dell’intervento”.

muro enea1
muro enea2

La parte innovativa riguarda una rete di materiale composito applicabile sulla superficie esterna dell’edificio. Si tratta di materiali compositi “già in uso nei settori aeronautico e automobilistico, ma non in quello edilizio, per questo auspichiamo che questi risultati siano pionieri dell’innovazione anche in questo settore così importante”, commenta Gianmarco De Felice, dell’Università degli studi Roma Tre e coordinatore del progetto.

Proteggere gli edifici dal rischio terremoti è quindi possibile, così come recuperare le strutture esistenti tramite un’utilizzazione più ampia delle moderne tecnologie. Questo innovativo intonaco “armato” Made in Italy potrà fare la differenza, ma la prevenzione dei danni causati da un terremoto, lo sappiamo bene, sarebbe dovuta cominciare almeno mezzo secolo fa.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook