Intorno a questi ospedali ci sono rifugi immersi nella natura per aiutare i malati a guarire

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La natura come strumento di benessere nel processo di guarigione. È il nuovo concept dello studio Snøhetta che in Norvegia, a pochi passi dagli ospedali, ha progettato dei piccoli rifugi in legno per pazienti e le loro famiglie.

Angoli di paradiso dove riconnettersi con la natura e affrontare il periodo di degenza o guarigione. Per conto della Fondazione Friluftssykehuset, Snøhetta ha progettato due rifugi, il primo a soli 100 metri dall’ingresso dell’Oslo University Hospital,il secondo vicino al Sørlandet Hospital Kristiansand nel sud della Norvegia.

Cosa hanno in comune entrambi? Sono immersi tra gli alberi e sono facilmente accessibili, non esistono barriere architettoniche così, anche i pazienti allettati, possono goderne a pieno.

Trentacinque metri quadrati tra querce e betulle con un design che ricorda quello di una casetta sull’albero. L’ambiente all’interno è confortevole: ci sono cuscini colorati e c’è una grande finestra circolare per guardare il cielo.

rifugio norvegia1
rifugio norvegia5

Un luogo, insomma, dove scacciare via i brutti pensieri che spesso si fanno da un letto di ospedale. I muri bianchi lasciano spazio a pareti cromatiche che offrono a pazienti e familiari la possibilità di una fuga mentale dai regimi ospedalieri e dai ricoveri a lungo termine. Tecnicamente in Norvegia si chiamano Outdoor Care Retreat.

rifugio norvegia2

“La natura offre gioia spontanea e aiuta i pazienti a rilassarsi: stare in un ambiente naturale porta loro una rinnovata calma, che persiste anche quando si torna in ospedale. In questo senso, l’Outdoor Care Retreat aiuta a motivare i pazienti a superare le cure”, spiega la psicologa infantile Maren Østvold Lindheim dell’Ospedale universitario di Oslo, uno degli iniziatori del progetto.

rifugio norvegia3
rifugio norvegia4

I rifugi sono fatti in legno e aperti a tutti indipendentemente dal tipo di malattia. C’è una stanza principale e una più piccola, oltre che il bagno. La cosa più suggestiva sono sicuramente le vetrate che possono essere completamente aperte per respirare l’aria della natura e ascoltarne i suoni.

rifugio norvegia6

Un’idea straordinaria che speriamo arrivi presto anche in Italia.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Snøhetta, Friluftssykehuset, Kristiansand
Foto: Ivar Kvaal

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook