Nido House: la casa di cartone off-grid che ha detto addio alle fossili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il suo nome dice già qualcosa. Nido House è la casa in cartone in mostra la scorsa settimana presso i giardini di Villa Erba a Cernobbio (CO). Cos’ha di speciale? Oltre al materiale utilizzato per la costruzione, la casetta è offgrid, del tutto indipendente dal punto di vista energetico grazie a uno speciale sistema di pannelli fotovoltaici con batteria integrata.

Non ha bisogno di connessione alla rete pubblica, producendo e consumando l’energia di cui necessitano i suoi abitanti. Progettata dall’architetto italiano Francesca Fadalti, Nido House è stata esposta nell’ambito della manifestazione Orticolario e promette di soddisfare tutte le esigenze di energia elettrica con l’aiuto del sistema off-grid Bisol, integrato nella più piccola unità abitativa già al momento della progettazione e pensato su misura per assicurare l’indipendenza energetica della casa.

Nido House è un modulo abitativo di circa 16mq caratterizzato da una struttura di cartone. Nulla è lasciato al caso. Ad esempio, la falda del tetto, il rivestimento degli infissi e lo “zoccolo” perimetrale sono tutti realizzati con gli pneumatici riciclati.

Anche la tecnologia utilizzata per i Kit dell’impiantistica (illuminazione, WC, recupero e riciclo acque e riscaldamento) rende autosufficiente energeticamente la casa, in grado sia di utilizzare immediatamente l’energia elettrica prodotta grazie al sole chge di conservare nelle batterie quella prodotta dai moduli per usarla durante la notte o in assenza di luce.

Il sistema si chiama Micro è composto da un modulo fotovoltaico con potenza 270 Wp, da due batterie da 12V-135Ah, un caricatore per gestire lo stoccaggio di energia e da un inverter, che trasforma la corrente elettrica continua prodotta dal modulo in corrente alternata.

nido house1

In questo modo, le apparecchiature domestiche – luci, computer, radio, notebook e altri piccoli dispositivi – funzionano solo sfruttando l’energia solare. Secondo i suoi ideatori, questo particolare sistema fotovoltaico off-grid è l’ideale per piccole unità abitative.

Tanti i vantaggi di Nido House. La piccola costruzione, oltre ad essere ecologica e offgrid, è personalizzabile e può essere smontata a fine vita, permettendo di riutilizzare ancora i materiali che la compongono.

Una soluzione in più per chi decide di dire addio alle reti elettriche e alle fonti fossili sfruttando solo l’energia messa a disposizione dal sole.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

10 GRANDI COSE REALIZZATE CON IL CARTONE RICICLATO

BOLLETTE E MUTUO ADDIO! LA MICRO-CASA OFF-GRID COSTRUITA IN 4 MESI CON 33MILA DOLLARI<

PETROLIO ADDIO! NELLE MARCHE LA PRIMA CASA OFF-GRID AUTONOMA E SCOLLEGATA DALLE RETI

LA MICRO-CASA OFF GRID CON TUTTI I COMFORT RICAVATA DA UN CONTAINER

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook