Mobile School: la scuola costruisce la scuola mobile in Etiopia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Costruire una scuola per l’Etiopia, seguendo criteri di ecosostenibilità. È questo l’obiettivo del progetto “Mobile School”, che si propone di realizzare una struttura ad uso scolastico destinata agli alunni del villaggio di Wersege. La scuola costruirà la scuola, nel vero senso della parole, poiché protagonisti dell’iniziativa saranno alcuni studenti degli istituti di formazione professionale Enaip dislocati sul territorio nazionale.

L’iniziativa è promossa da Enaip Nazionale, Enaip Veneto, Enaip Friuli e Acli, in collaborazione con Ambasciata d’Italia, dell’Associazione italiana di Addis Abeba e di S.E. Project e con il patrocinio delle province di Padova e di Trento. Gli enti compartecipanti permetteranno agli studenti di realizzare il progetto dell’istituto scolastico mediante l’affiancamento di attività pratiche allo studio teorico, grazie ad un avvicinamento del mondo dell’istruzione all’universo del lavoro.

L’intento dell’iniziativa è quello di realizzare il progetto per un edificio davvero innovativo, che possa essere interamente smontabile e facilmente trasportabile. L’edificio sarà sostenibile dal punto di vista energetico e dall’ottima qualità abitativa. Potrà ospitare un numero variabile di studenti, a seconda delle attività didattiche a cui verrà destinato.

mobile_school2

Gli alunni degli istituti Enaip aderenti all’iniziativa assisteranno le figure professionali che si occuperanno direttamente della messa a punto del prototipo dell’edificio. Conclusa tale prima fase, si passerà alla produzione dei pezzi da costruzione necessari ed infine all’installazione dell’edificio nel villaggio etiope di Wersege. Gli studenti saranno concretamente coinvolti anche nelle operazioni di imballaggio, trasporto, montaggio e smontaggio dei materiali impiegati per la costruzione della scuola.

mobile_school3

Si tratta di un intervento concreto, volto a fornire una possibilità di riscatto, attraverso lo studio, a bambini e ragazzi dei Paesi in via di sviluppo. Allo stesso tempo, gli studenti italiani potranno avvalersi dell’opportunità concreta di avvicinarsi al mondo del lavoro, grazie ad una collaborazione diretta tra scuole ed imprese. I promotori dell’iniziativa sono tuttora alla ricerca di aziende che desiderino diventare partner del progetto.

mobile_school

L’idea che ha dato adito all’iniziativa è nata dall’esperienza dell’architetto Paola Vecchiato, che da anni si impegna nella progettazione di edifici destinati a zone del mondo caratterizzate da condizioni climatiche ostili e da numerose difficoltà socioeconomiche, dalle quali consegue una generale carenza di infrastrutture adatte allo svolgimento di attività fondamentali quali quelle scolastiche.

Marta Albè

Immagini e Render: © Enaip Veneto / foto: G.De Sandre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook