MFC 2020: la casa passiva che ricarica gli elettrodomestici e l’auto elettrica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un progetto innovativo ed originale che si basa su un approccio globale dell’eco-efficienza domestica, unendo per la prima volta una casa passiva alla ricarica di ogni genere di elettrodomestico (lavastoviglie, impianto di condizionamento, asciugatrice ecc.) e persino delle auto elettriche. È il Concept MFC 2020 , la prima casa passiva che unisce il vivere sostenibile alla mobilità a zero emissioni, realizzata nell’ambito del progetto Cité de l’Environnement , il quartiere passivo ed ecosostenibile che sta sorgendo a Saint-Priest, vicino Lione nella regione Rhône-Alpes.

Realizzata grazie a un pool di 16 aziende super esperte in edifici sostenibili e tecnologie verdi, l’edificio è dotato di un sistema domotico e di smart grid per il controllo delle emissioni di anidride carbonica, di gestione dei consumi energetici e, ovviamente, di approvvigionamento energetico da energie rinnovabili. E questo, per una casa passiva, non è una novità. Ma la MFC 2020 rappresenta un concetto innovativo nella sua logica, in quanto tutte le funzioni che producono e consumano energia, come luce, riscaldamento, ventilazione ed elettrodomestici, sono progettati e gestiti per consentire ogni giorno risparmi energetici molto consistenti che potranno essere utilizzati per ricaricare in modo completamente autonomo un veicolo elettrico con un’autonomia minima di 60 km / giorno.

Ricordiamo che il 26% dei viaggi in macchina sono ormai effettuati per meno di 2 km. Questi viaggi brevi sono anche i più costosi, i più inquinanti, quelli che generano più rumore e congestione. Di qui l’interesse per i veicoli elettrici e della mobilità sostenibile in generale come alternativa“, spiegano i progettisti.

Insomma, non solo luce naturale, raccolta delle acque piovane e isolamento termico, ma soprattutto una nuova filosofia dell’abitare che consente di gestire intelligentemente i consumi e la produzione di energia della propria casa passiva, anche per ricaricare l’auto elettrica. La prova, insomma, che le risposte necessarie per una reale transizione ambientale ed energetica passano anche, e soprattutto, per l’edilizia sostenibile.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook