Dalla Spagna i mattoni di…cartastraccia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per fare i mattoni basta la cartastraccia. Non servono per forza i classici mattoni per costruire. Anche un vero e proprio rifiuto come la cartastraccia potrebbe trasformarsi in un materiale da costruzione con caratteristiche di tutto rispetto. L’idea è stata portata avanti dai ricercatori dell’Università di Jaén in Spagna, che hanno dato vita ai mattoni di carta.

Il risultato è una struttura massiccia con bassa conducibilità termica (che lo rende un buon isolante), ma con una resistenza meccanica che va ancora migliorata. Ma è pur sempre un inizio. Per realizzarlo, gli scienziati hanno raccolto i rifiuti di cellulosa prodotti da una fabbrica che si occupa del riciclaggio della carta e, in questo caso, hanno utilizzato i fanghi derivanti dal trattamento delle acque reflue.

Questi ingredienti sono poi stati impastati e incollati grazie all’argilla, e modellati dentro macchine di estrusione. Et voilà, in laboratorio la carta straccia è diventata un mattone. Attualmente i prototipi sono di piccole dimensioni (3x1x6 cm), anche se la squadra ha già fatto i test con altri formati più grandi ed i risultati sono comunque simili. “In generale, questa tecnica potrebbe far risparmiare energia e materie prime sia nel processo di creazione dei mattoni sia per il recupero dei rifiuti che, in linea di principio, vengono scartati“, ha spiegato Carmen Martinez, ricercatrice presso l’Università di Jaén.

Un altro vantaggio di aggiungere i rifiuti ai prototipi dei mattoni sta nel fatto che, essendo materiali organici, possono richiedere un minore dispendio di energia e di tempo per la loro produzione. Infatti, per realizzarli servono forni più piccoli e meno potenti rispetto a quelli normalmente usati, abbattendone i costi.

ladrillos

Vantaggi e svantaggi

Oltre a quelli già elencati va considerato che la conducibilità termica di questi mattoni è inferiore rispetto a quella dei materiali comunemente usati e quindi sarebbero una soluzione valida per i paesi freddi, dove occorre un maggiore isolamento dalle rigide temperature esterne.

Purtroppo però anche questa soluzione presenta un difetto, evidenziato dagli stessi ricercatori: la forza meccanica inferiore rispetto ai tradizionali mattoni, anche se questo parametro è al di sopra della soglia minima prevista dalle normative. “L’uso di rifiuti industriali della carta può essere un vantaggio economico e ambientale, consentendo di riutilizzare una materia prima considerata come materiale di scarto,” continua Martinez.

paperbricks

Tra gli altri materiali naturali e di scarto finora utilizzati nella costruzione vanno ricordati anche paglia e legno, adoperati da Samuele Giacometti che ha costruito da solo la propria abitazione, la canapa e il vetro riciclato dei televisori.

Gli esiti della ricerca sono stati pubblicati su Fuel Processing Technology.

Francesca Mancuso

Leggi anche:

Bioedilizia: 5 alternative ecologiche al mattone

10 modi per riutilizzare creativamente le vecchie riviste

Come riutilizzare volantini pubblicitari e posta indesiderata

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook