The Mangrove: le torri gemelle nella foresta di Jakarta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sembra il set cinematografico di Avatar, ma questa volta la location è la foresta di mangrovie di Jakarta, in Indonesia, dove è stato collocato idealmente l’omonimo The Mangrove, il rifacimento dell’Agung Sedayu Center di Giacarta, una costruzione che, a detta dei suoi progettisti, diventerebbe un tutt’uno con l’ambiente circostante.

L’idea è stata partorita dalla fervide menti di diversi architetti: Agung Mahaputra, Andika Priya Utama, Arief Aditya Putra, Dely Hamzah, Nidia Safiana e Rahadi Utomo, per il Agung Sedayu Group.

Partendo da ciò che già esiste nella foresta di mangrovie di Jakarta, The Mangrove sorgerà al di fuori dell’habitat naturale, anche se sarà parte di esso non contrastando con l’ambiente circostante. Grazie alla sua forma fortemente iconica ed evocativa, l’edificio, formato da due torri asimmetriche offrirà un panorama mozzafiato della foresta di Giacarta.

mangrove2

Le due strutture ruotano per ottenere la vista migliore in base al momento della giornata e all’esposizione alla luce solare, catturata dalla mattina fino a mezzogiorno. Inoltre, il corridoio che collega i due edifici e circonda ogni piano non avrà bisogno del condizionatore d’aria artificiale, poiché fungedo da barriera tra il calore del sole e le aree di lavoro, sarà riccamente fornito di aria. Inoltre, riesce ad assorbire il calore del sole permettendo al tempo stesso alla luce di essere immagazzinata per ridurre la dipendenza di energia elettrica.

La forma scheletrica esterna viene utilizzata come principale motivo strutturale per la facciata, utilissima anche a fornire l’ombra agli spazi interni. Ombreggiatura regolabile anche in base al movimento annuale del sole. Anche l’asimmetria delle due torri ha una motivazione bene definita, che inseime al sistema scheletrico flessibile viene regolata in base alla stagione, all’esposizione solare e alla luce naturale disponibile, fungendo anche da frangisole.

mangrove3

L’edificio inoltre offre spazi flessibili su ogni piano. Mista sarà la funzione d’uso di Mangrove. La maggior parte sarebbe destinata agli uffici, con punti di ristoro e un parcheggio a livello di base, ma nella parte superiore sarà presente un sistema dotato di tetto verde con lettini, ristoranti e bar.

Infine, i suoi progettisti hanno previsto un ponte dinamico che attraversi il “livello podio” dell’edificio, accessibilie solo ai pedoni e ai ciclisti per ammirare lo spettacolo della foresta indonesiana fino a raggiungere il lungomare.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook