©Henry Glogau

In Cile questo lampadario offre energia elettrica e acqua potabile gratis sfruttando il sole e il mare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il lucernario di desalinizzazione solare di Henry Glogau fornisce servizi essenziali a basso costo nelle baraccopoli situate lungo il mare.

Il Solar Desalination Skylight, creato dall’architetto neozelandese Henry Glogau, è un dispositivo che utilizza l’acqua del mare e l’energia solare con un triplice scopo: creare luce naturale diffusa, produrre acqua potabile e generare energia nelle case degli insediamenti informali lungo la costa. Una risposta innovativa, sostenibile e a basso costo per affrontare il problema della carenza di servizi in alcune parti del mondo. (LEGGI anche: Scienziati rendono potabile l’acqua di mare in soli 30 minuti grazie alla luce solare)

L’idea nasce dalla grande sensibilità e preoccupazione del designer per la mancanza di acqua ed elettricità nelle zone vulnerabili. Attualmente sono oltre 1 miliardo le persone che vivono all’interno di comunità nate in insediamenti informali e si prevede che entro il 2050 questa cifra raggiungerà i 3 miliardi.

©Henry Glogau

“È fondamentale per il futuro prendere in considerazione i sistemi low tech che utilizzano l’ambiente a nostro vantaggio per fornire risorse essenziali come acqua dolce, luce naturale ed elettricità attraverso metodi alternativi”, spiega Glogau.

Il progetto sviluppato in Cile è stato possibile realizzarlo grazie alla collaborazione con l’ONG locale Techo. Per Henry lavorare insieme a loro è stato fondamentale perché gli ha permesso di comprendere meglio i bisogni reali e le sfide che le persone negli insediamenti informali devono affrontare quotidianamente.

“In Cile, oltre 110.000 persone vivono in queste condizioni, di queste l’80% non ha accesso ad acqua pulita e sicura, all’elettricità e ai servizi igienici. Questo, sommato al fatto che altri 2,2 miliardi di persone sulla terra non hanno accesso ad acqua potabile sicura, è stato per me una grande motivazione”, confessa l’architetto neozelandese.

©Henry Glogau

Considerando che il Cile è un paese costiero che si affaccia sull’Oceano Pacifico, sono due gli elementi facilmente reperibili e anzi abbondanti su cui era possibile lavorare: l’acqua del mare e l’energia solare. Così, con un approccio olistico ed esplorando il potenziale dell’ambiente naturale del paese sudamericano, Glogau è riuscito a creare una soluzione davvero innovativa, che non a caso gli ha permesso di entrare tra i finalisti del Lexus Design Award 2021.

Il lucernario di desalinizzazione solare infatti sfrutta l’energia del sole per illuminare naturalmente le case e per desalinizzare l’acqua del mare, convertendola in acqua potabile. Anche il sale rimasto viene sfruttato per generare elettricità e alimentare la luce diffusa durante la notte.

©Henry Glogau

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno ci viene offerto dalla natura, ma a volte servono occhi gentili e visionari per riuscire a concretizzare soluzioni di grande impatto sociale a basso impatto ambientale. Glogau ha portato acqua potabile ed energia nell’insediamento informale cileno di Nueva Esperanza, in Mejillones e presto, grazie ai suoi sforzi, ci saranno molte altre persone che potranno rivendicare il loro diritto a questi servizi essenziali.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Salugea

Cellulite edematosa o fibrosa? Scopri i rimedi più adatti a te!

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook