I 10 fari della Sardegna da adottare e recuperare

Dormire in un faro, cullati dal suggestivo fascino dell’ambiente marino, dal rumore delle onde. Un’atmosfera da favola che presto in Sardegna potrà diventare realtà. La Regione infatti intende valorizzare i vecchi fari, alcuni ormai fatiscenti, mettendoli a disposizione di chi ha la possibilità di recuperarli e farli tornare a nuova vita, nel pieno rispetto dell’ambiente.

Un’idea nata da tempo, sui cui le autorità sarde lavorano alacremente. Presto saranno resi noti i bandi per adottare 10 splendidi fari sardi, che per 50 anni saranno dati in affitto a privati, con le possibilità economiche di recuperarli e regalarli al loro antico splendore.

Il progetto Orizzonte fari fa parte del più ampio “Progetto di valorizzazione del patrimonio marittimo-costiero”.

La Regione possiede beni di grande valore: vogliamo metterli in grado di creare reddito e occupazione. Siamo ben consapevoli che giocare questa partita significa dover affrontare complessità burocratiche e contenziosi, ma non si può continuare a tenerli bloccati come è stato fatto per troppo tempo, con il risultato di vederli trasformati spesso in ruderi abbandonati” ha detto il presidente della Regione Francesco Pigliaru.

fari sardegna piccola

Ecco i fari che si potranno adottare e di cui a breve dovrebbero essere resi noti i bandi:

  1. vecchio faro di Razzoli (La Maddalena);
  2. faro di Punta Filetto – Isola di Santa Maria (La Maddalena);
  3. ex stazione di vedetta di Marginetto (La Maddalena);
  4. ex faro di Capo d’Orso (Palau);
  5. ex stazione segnali di Capo Sperone (Sant’Antioco);
  6. ex stazione semaforica di Capo Ferro (Arzachena);
  7. ex stazione di vedetta di Capo Fìgari (Golfo Aranci);
  8. ex stazione segnali di Punta Falcone (Santa Teresa Gallura);
  9. ex stazione semaforica di Punta Scorno (Isola dell’Asinara);
  10. faro di Capo Comino (Siniscola), ancora in capo allo Stato.

I fari e le stazioni semaforiche messi a disposizione si trovano tutti in promontori o piccole isole, in zone dichiarate di pubblico interesse, a volte anche all’interno di Parchi e riserve nazionali o regionali oppure di aree marine protette e di siti di interesse comunitario. Essendo di proprietà pubblica sono soggetti a vincolo storico-culturale.

fari mappa

Non sono mancate infatti le polemiche e i timori per l’ambiente ma dal canto sua la Regione ha risposto:

“Questa iniziativa è perfettamente in linea con le nostre politiche ambientali. Naturalmente i bandi selezioneranno progetti vincenti, cioè rispettosi di tutti i principi della sostenibilità sia nel restauro che nella fruizione delle aree. Negli atti di concessione dovranno infatti essere contemplati impatti ambientali minimizzati, compresa la gestione dei rifiuti, e dovranno essere definiti alti standard di qualità ambientale per la fruizione dei beni resi accessibili, specialmente in quelli situati nei parchi nazionali e nelle aree marine protette” ha aggiunto l’assessora della Difesa dell’Ambiente Donatella Spano.

LEGGI anche:

Per vedere mappe e ubicazioni di tutti i fari che potranno essere adottati clicca qui

Francesca Mancuso

Foto cover

Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Izanz

Piretro: l’insetticida naturale contro le zanzare

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook