Un nuovo cemento sostenibile da vecchi wc e lavandini in ceramica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Prendi il vecchio wc e trasformalo in un nuovo materiale da costruzione sostenibile. Anche i water e gli altri sanitari possono tornare a nuova vita. Parola di scienziati. All’Università di Valencia infatti, un team di ricercatori dell’Istituto di Scienza e Tecnologia è riuscito a creare uno speciale materiale ottenuto dagli scarti di ceramica. Le caratteristiche? È più sostenibile e più resistente rispetto ai materiali da costruzione attualmente in uso.

La tecnica è frutto della collaborazione con l’Università di Estadual Paulista a San Paolo, in Brasile, dell’Universitat Jaume I di Castellón e dell’Imperial College di Londra.

Anche se ad un primo impatto, la cosa può destare una certa ilarità, la ricerca è davvero molto seria e i risvolti importanti, come ha raccontato Maria Victoria Borrachero, ricercatore dell’università spagnola, sostenendo che si tratta di un materiale completamente nuovo: “La sua caratteristica principale è che non contiene cemento e ciò lo rende un materiale più sostenibile rispetto a quelli attualmente impiegati”. Al suo interno solo ceramica polverizzata, un attivatore chimico e acqua.

Finora, i ricercatori hanno lavorato con mattoni di scarto, sanitari (lavandini e wc) e gres porcellanato come materie prime di base, da cui sono stati ottenuti dei prodotti finali con una maggiore resistenza. Tuttavia, gli studi iniziali addirittura erano partiti solo dal riuso dei rifiuti dei mattoni di argilla rossa. Fino ad arrivare alla ceramica.

Il processo per produrre il cemento nel primo caso è molto semplice. Innanzitutto, occorre macinare il mattone e miscelarlo con la soluzione attivante. Dopo una serie di impasti, il cemento è pronto per essere messo negli stampi e sottoposto ad uno speciale processo di indurimento ad alta temperatura.

Ma gli scienziati sono andati oltre, puntando ad utilizzare anche la ceramica di scarto, molto abbondante. Hanno così iniziato a studiare le prestazioni dei prodotti ottenuti con residui di piastrelle da bagno in ceramica e porcellana, insieme a nuove sostanze “attivanti” per ottenere come risultato un materiale ancora più sostenibile.

gabinetti riciclati cemento1

Abbiamo già fatto le prove con lolla di riso ed i risultati sono molto positivi. Il loro uso avrebbe prodotto un prodotto finale ancora più sostenibile e meno costoso, perché sarebbe fatto quasi interamente di rifiuti riutilizzati,” spiega ancora Borrachero.

cemento ceramica

Nei test condotti con oggetti realizzati dai rifiuti in laterizio rosso, il cemento era in realtà più forte rispetto ai tipi che sono attualmente in uso comune, mentre quella del cemento realizzato con i rifiuti della ceramica è ancora in corso di valutazione anche se i primi risultati fanno ben sperare.

Francesca Mancuso

Foto: Ruvid.org

LEGGI ANCHE:

Arriva “Shit Box”, il WC portatile da valigia

Installazioni: in Cina un muro di vecchi wc e orinatoi contro gli sprechi d’acqua

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook