La Casa Solare Passiva in Val d’Aosta

casa solare passiva

Fresca d’estate, calda d’inverno e autoalimentata a zero emissioni. È la “Casa solarepassiva ideata dallo studio di architettura milanese Albori, che lavora, con molti altri progetti oltre a questo, sui temi dell’architettura e del paesaggio, e realizzata da Echo-d, impresa valdostana specializzata in edilizia sostenibile, situata a 1750 metri di altitudine, in Valle d’Aosta, alle spalle del piccolo villaggio di Vens, affacciata su un arco montuoso che va dal Monte Emilius fino al massiccio del Gran Paradiso e alla Grivola.

Il progetto, che nasce dalla strabiliante vista che il sito offre e dalla particolare generosità della sua esposizione solare, prevede una casa realizzata con un telaio in legno, che ne costituisce la struttura portante e rimane a vista nella facciata sud, nella quale tutte le stanze interne affacciano, in gran parte finestrata e aperta al sole e al paesaggio. Ma soprattutto è l’uso ben pianificato dell’energia solare a rendere questa “Solar house” davvero unica.

L’energia solare viene qui impiegata in tre diversi modi: accumulata in modo diretto attraverso le finestre poste nella facciata a sud, immagazzinata e rilasciata più lentamente dai sali minerali contenuti nelle vetrate PCM (Phase Change Material) che completano la facciata stessa, e infine trasformata in elettricità dai pannelli fotovoltaici disposti sulla copertura. L’unica altra fonte energetica impiegata dalla casa è la legna, che alimenta la stufa/cucina al piano terra. Il legno della struttura e delle facciate è Larice locale, senza alcun trattamento o verniciatura.

La Casa Solare di Studio Albori è perfettamente progettata per trarre vantaggio dalla posizione del sole nel cielo, con le finestre esposte a sud per attirare il calore del sole durante l’inverno, ma bloccare il sole estivo più intenso. La facciata nord, invece, presenta poche finestre, per non disperdere il calore che si accumula all’interno. Insomma, per chi alloggerà in questa innovativa casa per vacanze, legna e sole non forniranno solo travi e luce, ma anche energia elettrica, calore e combustibile per la stufa.

Roberta Ragni

Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Hello Fish!

Preservare i nostri mari un passo alla volta, a partire dalla stagionalità del pesce

Seguici su Instagram
seguici su Facebook