NaturHouse, in Svezia la casa nella serra. Addio bollette del riscaldamento (FOTO E VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Svezia di certo non è famosa per le alte temperature. Chi vive qui infatti deve necessariamente avere adeguati sistemi di riscaldamento per far fronte alle basse temperature, soprattutto d’inverno. A una famiglia si è inventata una originale soluzione ecologica per riscaldarsi: una casa racchiusa in una serra.

Un’idea semplice ma sicuramente efficace anche se insolita. Costruire una serra intorno a una casa esistente per scaldarla può sembrare dispendioso ma in questo modo la famiglia è riuscita a scaldarsi naturalmente sfruttando il calore del sole.

Siamo vicino a Stoccolma, in uno degli isolotti dell’arcipelago che circonda la città. Qui i proprietari, Marie Granmar e Charles Sacilotto hanno ristrutturato la casetta estiva già esistente installando attorno ad essa una serra tradizionale, costata circa 84.000 dollari (circa 80mila euro).

La serra è stata realizzata assemblando dei singoli riquadri in vetro spessi circa 4 millimetri. Un’idea in realtà non del tutto originale ma nata anni fa nella mente dell’eco-architetto svedese Bengt Warne che per primo ha ideato le Naturhus (Naturehousing).

L’intenzione originale di Warne per Naturhus era quello di creare una casa che fosse un vero e proprio “raccoglitore di sole”, in cui utilizzare i flussi ciclici della natura per la produzione di energia, la depurazione dell’acqua, dell’aria e la produzione di compost.

2. Naturhus

Secondo Warne è come vivere in un’altra dimensione: “Vivere in una serra fornisce all’architettura una quarta dimensione, dove il tempo è rappresentato dai movimenti dei flussi infiniti della Natura”.

3. Naturhus

4. Naturhus

Casa Granmar-Sacilotto segue gli stessi principi: i due coniugi hanno costruito un proprio sistema di trattamento delle acque reflue che separa l’urina dai solidi, che vengono poi purificati e usati per irrigare il giardino. La serra permette loro di allungare la loro stagione di giardinaggio, producendo gran parte di quello che loro occorre e coltivando piante tipiche del clima mediterraneo come i fichi, uva, pomodori, cetrioli. Al tempo stesso la serra li aiuta anche a ridurre la necessità di riscaldamento.

Ma per Marie, Charles e il loro figlio, aver realizzato una casa ecologica è un sogno divenuto realtà. Qui la famiglia si rifugia durante l’inverno.

5. Naturhus

6. Naturhus

7. Naturhus

8. Naturhus

Senza contare che gli spazi esterni della casa – una volta esposti alle intemperie – si trovano adesso all’interno della serra e possono essere utilizzati tutto l’anno.

Una soluzione che non sarebbe stata adatta a climi più caldi ma che è funziona per i più freddi climi nordici. Qui la serra può essere una valida alternativa per tagliare le bollette di riscaldamento ma soprattutto per ridurre le emissioni inquinanti e avere l’orto per gran parte dell’anno. In barba alle temperature gelide.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

SOLCER HOUSE: LA PRIMA CASA PASSIVA DEL REGNO UNITO, PRODUCE PIÙ DI QUANTO CONSUMA (VIDEO)

WALIPINI: LA SERRA SOTTERRANEA AUTOPRODOTTA CON 200 EURO PER COLTIVARE L’ORTO TUTTO L’ANNO

LA PRIMA CASA PASSIVA IN LEGNO DELLA LOMBARDIA COMPIE UN ANNO. ECCO QUANTO SI RISPARMIA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook