Le cucine plastic free che durano una vita

Lastre e pannelli edilizi… dai batteri! I ricercatori vogliono sostituire così l’inquinante cartongesso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I ricercatori dell’Università di Bath stanno studiando le naturali proprietà dei batteri, che potrebbero essere utili nello sviluppo di un nuovo tipo di cartongesso ecosostenibile

I ricercatori della start-up Adaptavastate sono da sempre impegnati nell’ideazione e nella realizzazione di materiali da costruzione sostenibili. Per realizzare il loro cartongesso biodegradabile, per esempio, utilizzano scarti dell’agricoltura anziché il tradizionale gesso: il materiale risulta così più leggero ma al contempo offre livelli di isolamento termico e sonoro maggiori rispetto al cartongesso tradizionale.

Ora i microbiologi dell’Università di Bath stanno collaborando con l’azienda per ottimizzare le proprietà di questo eco-cartongesso utilizzando una tecnologia che sfrutta il lavoro dei batteri. Se questi esperimenti avranno successo, il nuovo cartongesso potrebbe iniziare ad essere prodotto su larga scala e utilizzato per molteplici scopi.

(Leggi anche: Case in legno e bioedilizia: il mercato in crescita che pensa sostenibile)

I biofilm si formano quando i batteri si uniscono insieme a ricoprire una superficie in maniera ordinata, senza aggregarsi disordinatamente in ‘grumi’ – spiega la professoressa Susanne Gebhard, che ha guidato la ricerca. – Stiamo cercando di capire se possiamo sfruttare a nostro vantaggio la naturale capacità dei batteri di formare biofilm che possano fungere da collante per migliorare le proprietà fisiche dei materiali da costruzione biodegradabili.

Il gesso è il terzo materiale da costruzione più diffuso al mondo, responsabile di circa il 3% delle emissioni di diossido di carbonio nell’atmosfera ogni anno. Viene estratto dalle miniere oppure ricavato dagli scarti delle centrali elettriche alimentate a carbone, e produrlo sta diventando sempre più costoso; inoltre, essendo a base di solfato di calcio, va utilizzato (e smaltito) con attenzione, affinché non rechi danno all’ambiente. Ecco perché è necessario trovare al più presto un’alternativa al suo utilizzo che sia più sostenibile, più economica, ma che mantenga le stesse proprietà di resistenza e struttura del gesso comune.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: University of Bath

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook