Dal mare a casa tua, come le alghe possono farti risparmiare energia e depurare l’aria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

A causa dell’attuale crisi ecologica globale, le risorse naturali sono sempre più scarse. Per ridurre l’impatto antropico sull’ambiente naturale e allentare la nostra dipendenza da materiali e fonti di energia non rinnovabili dobbiamo fidarci della natura. Ma come? Le alghe possono diventare nostre preziose alleate se le facciamo entrare a casa nostra.

Investire in un’economia a basso impatto di carbonio è diventato un imperativo morale che risponde alla più grande sfida di questo millennio, quella climatica. Più in concreto, è possibile optare per materiali sostenibili come le alghe.

Fonti di energia straordinarie, esse sono costituite da materiale organico che cresce e si riproduce rapidamente tramite fotosintesi. Usare le alghe per inventare soluzioni innovative, etiche, a basso costo e rispettose dell’ambiente, gioverebbe non solo all’industria del design e dell’architettura, ma anche ai singoli cittadini, trasformandoli in “eco-cittadini” responsabili.

In che modo le alghe possono trovare spazio nelle nostre case, facendoci anche risparmiare a fine mese quando ci arrivano le bollette dell’elettricità?

Mobili realizzati con alghe

Per vivere in armonia con la natura, è possibile acquistare mobili realizzati con alghe. Questo tipo di mobile rappresenta una incredibile fonte di energia luminosa; infatti, emana luce nell’ambiente circostante. Inoltre, produce calore e depura l’aria.

Sono una sorta di incrocio tra il sughero e la carta e sono stati inventati dai designer della Royal Danish Academy di Copenaghen, Jonas Edvard e Nikolaj Steenfatt.

@jonasedvard

Tende composte da alghe

Alle finestre della tua casa potrai presto appendere tende fatte di alghe. Sì, non è uno scherzo. In questo modo, potrai anche produrre comodamente da casa biocarburante. La cosiddetta Algae Curtain, ideata dal laboratorio londinese Loop pH studio, è una tenda composta da alghe viventi che vengono applicate all’interno di tubicini trasparenti tra loro intrecciati per creare questo prodotto davvero affascinante oltre che sostenibile. Il biocarburante prodotto può essere facilmente sfruttato come fonte di riscaldamento per la tua casa.

@loop.ph

Lampadario alle alghe

Illuminazione green e sostenibile. Julian Melchiorri ha dato vita al lampadario Exhale, un lampadario vivente, composto da vetro ed alghe verdi, che emana luce, cresce e respira. La vera rivoluzione è che una sola lampada può assorbire una quantità di anidride carbonica pari a quella di circa 200 alberi.

lampadario bionico vivente

@julianmelchiorri

Leggi anche:

Il lampadario ‘vivente’ realizzato con le alghe che purifica l’aria e assorbe CO2 

Una lampada alle alghe che assorbe la stessa CO2 di 150 alberi

Latro lamp, la lampada alimentata con la fotosintesi delle alghe

Seacell, il tessuto a base di alghe

La principale proprietà del tessuto a base di alghe è che, a contatto con la pelle, rilascia sostanze benefiche. Sono note le sue proprietà antinfiammatorie, decongestionanti  e tonificanti; è inoltre un efficace schermo contro i raggi UV e protegge dai radicali liberi; è capace di assorbire il 50% di sudore in più rispetto alla classica fibra di cotone; facilita anche la circolazione sanguigna. Un toccasana per il nostro corpo, una medicina che non ha effetti collaterali, perché naturale ed ecosostenibile. Seacell™, in particolare, è un tessuto ricavato dalla lavorazione dall’alga Kelp, ideato oltre un decennio fa dal designer italiano Alberto Zanrè, il quale si è ispirato ad una antica tecnica giapponese.

Seacell utilizza il Processo Lyocell, una produzione innovativa a “circuito chiuso”, che cioè non produce sostanze chimiche come rifiuti. Anche per questo l’innovazione ha vinto il 2000 European Environmental Award nella sezione “tecnologia per lo sviluppo sostenibile”. Con questo tessuto oggi si realizza un po’ di tutto, persino fasce per il babywearing (ad esempio la marca Yaro)!

Leggi anche:

Moda e natura! Seacell: il tessuto prodotto a partire dalle alghe

Abbigliamento: dalle alghe coloranti naturali per sostituire le tinture tossiche

La scarpa ricavata dalle alghe

Dopo i vestiti, non possono mancare…le calzature per un armadio amico dell’ambiente dalla testa a i piedi. La prima scarpa al mondo fatta di alghe si chiama Ultra III e a realizzarla sono state la londinese Vivobarefoot, e Bloom Foam, un’azienda di San Diego che si occupa di materiali innovativi.

bloom blog 1

Bioplastica derivata dalle alghe

Bere da una bottiglia di plastica fatta di alghe è possibile. Il materiale plastico è il risultato della coltivazione, raccolta, asciugatura e trasformazione delle alghe in un materiale unico, che grazie alle stampanti 3D può dare vita ad una serie di oggetti in plastica, tra cui le bottiglie.

I designer olandesi Eric Klarenbeek e Maartje Dros hanno sviluppato una bioplastica a base di alghe. I due designer auspicano che nel prossimo futuro essa possa sostituire completamente la plastica sintetica.

Leggi anche:

Alghe al posto della plastica: l’idea che potrebbe salvare il Pianeta dall’inquinamento

Queste giovani studentesse hanno inventato una plastica biodegradabile a base di alghe e farina

Lampadine LED ad energia prodotta dall’alga

Se cerchi lampadine che siano davvero a basso consumo, le lampadine LED ad energia prodotta dalle alghe fanno al caso tuo. Questa speciale lampadina si ricarica autonomamente tramite l’ossigeno che l’alga emette mentre cresce. Non solo, queste particolari lampadine a LED sono progettate per purificare l’aria circostante attraverso la CO2 che esse emettono. Si chiamano Algae Bulb e le ha inventate Gyula Bodonyi!

@gyulabodonyi

Pannelli fotovoltaici alimentati dall’energia delle alghe

Edifici e appartamenti sono spesso alimentati da pannelli fotovoltaici. Per la tua abitazione potrai però scegliere i pannelli fotovoltaici alimentati dall’energia prodotta dalle alghe. Non sono ancora efficaci ed economici come i pannelli solari, ma grazie alle future innovazioni nel campo della R&D sarà possibile ridurne i costi e aumentarne l’efficienza. Il primo edificio interamente alimentato da pannelli del genere si trova in Germania, ad Amburgo.

foglie biosolari londra

Leggi anche:

Bio Solar Leaves: i pannelli con le micro-alghe dentro che depurano l’aria e creano cibo

Ad Amburgo il primo bioedificio alimentato dalle alghe

La “Stanza dell’Alga”

Non è impossibile creare la cosiddetta “Stanza dell’Alga” (in inglese Algae Room) usando una stanzetta, magari inutilizzata, della tua casa.

@dezeen

L’innovativo concetto, che nel 2008 ha vinto il concorso in progettazione degli spazi indetto dalla Dezeen x Design Association, permette di reinventare spazi, destinandoli alla crescita delle alghe per produrre energia, da distribuire in maniera stabile e continuativa nell’ambiente domestico.

La Spirulina

Le microalghe sono ampiamente utilizzate nel mercato degli integratori alimentari. L’ormai famosa alga Spirulina, di grande interesse commerciale, è stata immessa nel mercato come valida alternativa all’olio di pesce.

alga spirulina 1

È ricca di proteine (ne è costituita per il 65%), vitamine (A, D, K e molte vitamine del gruppo B), sali minerali (ferro, calcio, potassio, manganese, iodio e sodio) e acidi grassi. In particolare, è ricca di Omega 3, Omega 6 e Omega 9, acidi grassi essenziali.

Leggi anche:

Alga spirulina: cosa accade al corpo ogni giorno che la assumiamo

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Donatella Vincenti. Laureata in Lingue e Scienze Politiche, nel 2017 ha conseguito un dottorato alla Luiss sulla transizione ecologica nel mondo arabo-islamico. Nel 2015 ha curato la rubrica "Green Islam" per la webradio Radio Bullets.
eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook