vertical_farmNew York centro del mondo, anche se il baricentro è sviluppato verso l'alto. Sono numerosi i progetti infatti che prevedono lo sviluppo verticale, all'interno della città, di giardini e colture. I due progetti più avanti sono la Vertical Farm e l'Agritecture, la fattoria verticale e l'agritettura.
In diversi hanno parlato e scritto di Vertical Farm, ma senza spiegare bene cosa sia, forse perchè non si sa bene cosa sia. È un grattacielo ? Sì, anche. È una fattoria ? In parte. Ma soprattutto è qualsiasi abitazione, ufficio o luogo chiuso, con uno sviluppo verticale, e con degli occupanti che abbiano la pazienza di aspettare che dalla fase progettuale, si passi alla fase di realizzazione. In questo periodo i progetti sono tanti, tutti molto affascinanti, diversi senza fondamenta.
L'ideatore del vertical farming è Dickson Despommier, professore di Scienza della Salute ambientale alla Columbia University di New York, e lo sviluppo dell'idea è in realtà del 1999. Le sue stime sono che un palazzo grande come un isolato e alto 30 piani potrebbe sfamare tra le 10.000 e le 50.000 persone/anno (a seconda delle dichiarazioni rilasciate).
Ma c'è una grossa falla del progetto, che ripetiamo affascinante ed innovativo, e per altri versi che vedremo più avanti anche sostenibile, e la incontriamo nell'illuminazione. Se andiamo verso l'alto e al chiuso, gran parte della luce necessaria alle piante dovrebbe essere artificiale. La falla, è ribattuto, è superata dall'accorciamento della filiera, che vedendo la produzione dislocata direttamente a New York, permetterebbe una concorrenza diretta tra la diminuzione dei costi di trasporto con l'aumento dei costi di energia necessari per l'illuminazione.

Secondo Despommier, i vantaggi sono anche quelli di colture idroponiche (grazie all'integrazione di nutrienti minerali si può fare a meno della terra) e di sistemi di riciclo idrico. Inoltre la fattoria produrrebbe, come una serra, tutto l'anno con raccolti più stabili, perchè meno sottoposti ad eventi atmosferici significativi, o a minacce da malattie o animali. Naturalmente le tecniche di coltivazione potrebbero essere biologiche. Tra gli ultimi progetti presentati di vertical farm c'è quello di cui abbiamo già parlato dell'Harvest Green Tower.

Altrettanto datati sono i primi progetti di Agritettura (Agritecture, e per qualcuno anche biotecture), che potrebbe essere definita come il recupero di spazi urbani per l'agricoltura, i più necessari, ed in modo più ampio come l'architettura agricola o del verde. Qui però siamo passati ai fatti.
sky_park_new_yorkSono diversi anche i progetti italiani che prevedono l'inserimento di spazi agricoli all'interno di edifici urbani (ad esempio i tetti verdi), ma soprattutto nei cohousing (come la casa 100k). Si potrebbero inserire anche negli spazi a disposizione (aree industriali dismesse, vecchi edifici non più produttivi, ecc.). In verità anche in questo è New York laddove si cercano le soluzioni più coraggiose ed innovative. Qualche giorno fa è stato aperto il Park on the Sky, una linea ferroviaria sopraelevata di 2,3 Km. oramai inutilizzata, diventato giardino pubblico. È facile avere un'idea sul perchè NY sia più concentrata sulle possibili soluzioni, se pensiamo ai problemi delle nostre città, e li moltiplichiamo per 10.
Non scriviamo più manifesti, anche se teniamo botta; in qualche caso arranchiamo, in qualche altro recuperiamo, come nel solare. Ma l'Italia, come sempre grazie all'incredibile capacità di adattamento, di creatività e di imprenditorialità dei privati, dovrà reinventarsi in fretta per contare nella green economy, la rivoluzione del terzo millennio.

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog