cemento_ecologico

Arriva da Città del Messico la notizia che gli scienziati del Cinvestav, stanno sviluppando un nuovo tipo di cemento ridurrebbe le emissioni di anidride carbonica fino all’80 % diminuendo la quantità di energia consumata nel processo di produzione di ben il 50 %.

Il cemento è il secondo prodotto più consumato al mondo dopo l’acqua per la crescita della popolazione, che in molte città richiede lo sviluppo di nuove infrastrutture, edifici e case ”, affermano dal Cinvestav, in un comunicato. Sfortunatamente, l’uso intensivo del cemento “è dannoso per l’ambiente, bombardato dall’enorme quantità di anidride carbonica generata” dalla produzione del materiale da costruzione, secondo il quanto affermato. Gli scienziati del Cinvestav hanno sviluppato diversi tipi di alternative al cemento negli ultimi 13 anni, tra cui un cemento a base di geopolimeri "con una maggiore resistenza e durata nel tempo e un minore impatto ambientale ed economico", dice la nota.

Il progetto, condotto da José Iván Escalante García, prevede di sviluppare un sostituto per il cemento “Portland”, che è il più utilizzato dall'industria delle costruzioni a livello mondiale poiché, per ogni chilo di questo tipo di cemento prodotto, viene rilasciata esattamente la stessa quantità di anidride carbonica. Secondo i dati forniti dallo scienziato, circa 2,5 miliardi di tonnellate di cemento vengono prodotti ogni anno nel mondo, il che corrisponde a oltre l’8 % delle emissioni di gas serra causate dall'uomo. Escalante ha affermato che, nel processo tradizionale di produzione del cemento, gran parte della quantità di anidride carbonica viene emessa a causa dell'uso di carbone o coke per portare il calcare, l’argilla e lo scisto a una temperatura di 1450 °C per ottenere un composto noto come clinker , che viene mescolato con del gesso e ridotto in polvere per la produzione di cemento.

Di segno opposto il cemento a base di geopolimeri, che viene composto e trattato a temperature di soli 750 °C. Oltretutto, i sottoprodotti industriali come le ceneri volatili residue dal processo di produzione a base di carbone, le scorie metallurgiche e altre materie prime, che non richiedono alcun tipo di trattamento termico, possono essere incorporati nella produzione di cemento a base di geopolimeri e contribuire in tal modo a ridurre le emissioni di anidride carbonica fino all’80 %, ha affermato Escalante. L'esperto ha aggiunto che i geopolimeri possono essere utilizzati “per ottenere materiali dotati di maggiore resistenza e durata nel tempo”, spiegando che il processo di fabbricazione di questi è più conveniente di quello del cemento tradizionale, perché l’energia consumata è il 50 % in meno di quella attualmente necessaria.

Escalante e la sua squadra prevedono di iniziare presto le prove sul campo e di ottenere risultati ancora migliori di quelli conseguiti attraverso le ricerche in laboratorio. Speriamo, allora, di ricevere presto delle buone notizie dal Mexico’s Research and Advanced Studies Center: nel frattempo, per coloro che masticano un po’ di spagnolo e di chimica, potete leggere i risultati della ricerca del dottor Escalante qui

Ilaria Brambilla

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram