immagine

Spazi e ambienti a misura d’uomo: questa è la sfida dell’architettura del nuovo millennio, che tende a mescolare elementi naturali e rispetto dell’ambiente con soluzioni tecnologiche estremamente creative ed innovative. Un interessante esperimento in questo senso è rappresentato dal progetto di riqualificazione ambientale ed urbanistica in atto a Surrey,vicino Vancouver, in Canada, che interesserà l’area all’angolo tra la 104ª e la 152ª strada.

L’obiettivo è di trasformare la zona non solo in un luogo ricreativo, vivibile e predisposto per attività di svago, ma anche in un vero e proprio impianto per l’accumulo di energia, utilizzando fonti rinnovabili. e a disposizione di tutti, come la luce del sole e l’acqua piovana. L’operazione non riguarda soltanto l’estetica, ma punta a rendere l’area funzionale, sostenibile e piacevole da vivere: basti pensare che il recupero architettonico e urbanistico ha tra gli scopi quello di ridurre l’inquinamento acustico.

L’ambizioso progetto porta la firma di We-Designs, un gruppo creativo internazionale (con diverse sedi nel mondo, da Vancouver ad Hong Kong, passando per Londra e Stoccolma) e multidisciplinare, composto principalmente da architetti, urbanisti e designer. Una volta portata a termine, la struttura, o meglio, l’organismo architettonico realizzato, includerà un teatro, che sorgerà nel corpo centrale del complesso, oltre che degli spazi culturali, delle aree verdi e delle aree ricreative per lo sport e il tempo libero.

Ma vediamo più precisamente in che cosa consiste il progetto. L’angolo edificabile tra la 104ª e la 152ª strada sarà occupato da diverse piattaforme multilivello integrate tra loro, quasi a formare, come abbiamo anticipato, un unico organismo vivente. Un sistema di rampe, scale e ponti connetterà ogni elemento della struttura agli altri. Le piattaforme saranno interamente coperte da tetti fotovoltaici, in modo da proteggere gli spazi interni dalle intemperie producendo, nello stesso tempo, energia. Anche la copertura del teatro, il cui design è ispirato al simbolo della città di Surrey, un’armatura, è fotovoltaica, mentre tutto intorno all’edificio saranno installate delle turbine eoliche. La struttura comprenderà anche aree alberate e zone dedicate allo shopping, al passeggio, alle bici, al jogging, al basket e ad altre attività ludiche.

Per quanto riguarda i materiali impiegati, la struttura sarà interamente realizzata in pannelli di alluminio riciclato e di vetro riciclato. L’alluminio che sarà utilizzato deriva dal recupero di parti di vecchi aerei e garantisce resistenza e durevolezza, mentre il vetro non conterrà né additivi né coloranti. L’uso di tali materiali dovrebbe garantire alla struttura la certificazione LEED, generalmente considerata lo standard americano per l’edilizia sostenbile. La pavimentazione e le aree ricreative della struttura saranno realizzate con legname derivato da specie vegetali autoctone della British Columbia, come l’ontano rosso o l’acero. Il tutto con l’obiettivo di creare un luogo funzionale, efficiente dal punto di vista energetico, sostenibile e piacevole da vivere.

Lisa Vagnozzi

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram