la Magione

Un villaggio ecosostenibile, incastonato nelle colline marchigiane, tra mare e montagna. È l'Ecovillaggio “La Magione”, situato nel Comunedi Montefano, in provincia di Macerata. Un piccolo angolo di paradiso completamente autosufficiente dal punto di vista energetico ed economico, costruito direttamente da chi lo abiterà.

L'idea è dell'impresa sociale Montefauno, un'azienda agricola di prodotti biologici, che sta portando avanti il progetto dell'ecovillaggio La Magione, un nuovo modo di vivere su questo pianeta, in convenzione con l’Università Politecnica delle Marche di Ancona.

Case di paglia e terra cruda

Le unità abitative considerate nel progetto saranno circa 40, a cui si aggiungono una struttura ricettivo-turistica, due imprese agricole sociali di cui una destinata alla produzione, lavorazione e trasformazione di ortaggi e l'altra per l'estrazione di tinture naturali. E infine una cooperativa sociale per le attività di assistenza, i corsi di crescita personale, i percorsi educativi e formazione professionale ma anche centro olistico.

Isolamento termo-acustico, resistenza ad eventuali terremoti e durata nel tempo. Le case saranno realizzate utilizzando materiali 100% riciclabili e prodotti sul posto, garantendo il risparmio energetico e sfruttando le naturali caratteristiche coibentanti di paglia e legno.

“Questo rende la vita all’interno totalmente salubre grazie alla grande traspirabilità dei materiali e quindi non avere ristagno di umidità interna, oltre a non avere interferenze energetiche sulle persone per l’assenza di ferro e cementospiegano gli ideatori.

la magione2
 
monte fauno case in paglia la magione

Il modello: l'impresa sociale

Alla base dell'impresa sociale vi è l'obiettivo di avviare un miglioramento sia dal punto di vista sociale che ambientale. Questo tipo di impresa basa la propria sostenibilità economica non solo sugli aiuti di stato o sulla beneficenza ma svolge anche attività commerciali, grazie alle quali gli abitanti possono sostenersi economicamente.

“Non solo un ecovillaggio dunque, ma un nuovo modo di fare impresa: solidale, partecipato e giusto. Un modello che non volta le spalle alla realtà esistente, ma vi si integra, con una proposta innovativa che punta al benessere diffuso della comunità” si legge sul sito ufficiale.

Spazio anche alla vita sociale, che sarà incentivata grazie alla presenza di spazi comuni all'insegna della condivisione.

la magione

L'ecovillaggio, un nuovo modo di vivere

Non si tratta infatti solo di cambiare il nostro modo di abitare ma quello di vivere, ad esempio migliorando i rapporti sociali, producendo i beni nel rispetto dell’ambiente ed evitando di perseguire il solo scopo del profitto.

Spiega l'impresa i vantaggi sarebbero: “Sostenibilità dal punto di vista abitativo ed alimentare, posti di lavoro etici ed integrati nel contesto socio-economico locale, attività socio culturali di comunità che portano un valore aggiunto alla qualità della vita, nuovo modo di abitare e costruire e incentivo all'autocostruzione”.

Senza contare che il villaggio sarà autosufficiente dal punto di vista energetico e sarà a basso impatto ambientale, con dispositivi per ridurre gli sprechi, ad esempio un impianto di fitodepurazione che fornirà acqua depurata da riutilizzare per usi agricoli.

la magione 3

LEGGI anche:

Non è un sogno, come spiega Luigi Quarato, ideatore della Montefauno. L'inizio dei lavori è previsto per la primavera 2018, la durata è di circa un anno.

Francesca Mancuso

Foto

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog