scuola solare 02

E se la scuola non insegnasse soltanto a padroneggiare lettura, scrittura e matematica ma anche a costruire una comunità sostenibile, aiutando i suoi studenti ad impiegare le proprie conoscenze per migliorare la qualità della vita di tutti? Questo è il concetto che è alla base della scuola Sisaengtham, un istituto thailandese noto anche come "scuola solare".

La scuola Sisaengtham ha aperto i battenti nel 2010 nella provincia nord-orientale di Ubon Ratchathani, al confine con il Laos. Le sue parole d’ordine sono autosufficienza, ambiente e filosofia buddista: ed è proprio seguendo queste linee guida che, in pochissimo tempo, l'istituto è diventato un modello di autonomia energetica, alimentare e finanziaria.

Il suo fondatore è Prakruwimolpanyakhun (vale a dire l’insegnante-monaco Wimolpanyakhun), un monaco che, non avendo avuto, a suo tempo, l'opportunità di ricevere un’istruzione adeguata, ha dedicato la sua vita alla missione di rendere la scuola accessibile al maggior numero possibile di bambini e ragazzi, in modo da fare qualcosa di positivo per il suo Paese. Per raccogliere i fondi necessari alla costruzione dell’istituto, Prakruwimolpanyakhun ha venduto la sua stessa casa.

scuola solare 03

Il primo obiettivo dell'istituto, a cui si accede gratuitamente, è l’alfabetizzazione, in un’area geografica in cui essere in grado di leggere e scrivere non è un dato scontato. Una volta assicurate le competenze di base, la scuola Sisaengtham aiuta i suoi allievi ad acquisire una serie di altre abilità, che spesso vengono completamente trascurate dall’educazione “tradizionale”.

Gran parte delle attività scolastiche ruota infatti intorno ai concetti di autosufficienza e sostenibilità, che si concretizzano, ad esempio, nella coltivazione di un orto da parte degli studenti: gli ortaggi e le verdure vengono in parte utilizzati per la preparazione dei pasti serviti a mensa e in parte venduti per sostenere finanziariamente la scuola.

scuola solare 01

L'istituto utilizza esclusivamente energia solare ed è alimentato da pannelli fotovoltaici: i ragazzi imparano ben presto a conoscerne il funzionamento e le modalità di installazione e di riparazione. Il ricorso esclusivo al solare ha permesso di ridurre la bolletta elettrica mensile dell’istituto a 1 dollaro, che corrisponde alla tariffa minima che si applica a chiunque voglia essere connesso alla rete elettrica thailandese.

Un'importante forma di autofinanziamento è rappresentata dai progetti realizzati dagli stessi studenti, che sono spronati a impiegare le conoscenze che via via acquisiscono per risolvere i problemi quotidiani dei propri concittadini. La maggior parte di questi progetti si basa proprio sull'uso di tecnologia solare: è il caso delle batterie ricaricabili mobili progettate per alimentare le pompe utilizzate dai contadini nell’irrigazione dei campi o dei kit solari per rendere le famiglie della regione il più possibile autosufficienti dal punto di vista energetico.

scuola solare 00

scuola solare 05

scuola solare 04

Teoria e pratica, conoscenze tecniche e capacità di risolvere i problemi, lavoro manuale e creatività sembrano andare di pari passo in questa scuola così particolare e alternativa, nata come strumento per migliorare la vita della comunità locale e diventata, a poco a poco, un'autentica "maestra di vita".

Lisa Vagnozzi
Photo Credits

LEGGI anche

L’asilo nido a emissioni zero che produce più energia di quanta ne consumi

Muse School: la scuola vegan alimentata dai 5 girasoli fotovoltaici di James Cameron

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram