PlasticRoad: anche in Africa si costruisce per la prima volta una strada con i rifiuti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche in Africa approda #PlasticRoad. Dopo l’iniziativa dei Paesi Bassi, anche il comune di Kouga, in Sudafrica, si dichiara pronto a costruire la prima strada fatta di plastica invece che di bitume. L’esperimento, annunciato a marzo, dovrebbe partire a breve.

Il progetto utilizzerà 1,8 tonnellate di plastica non riciclabile per 1 chilometro e ricostruirà completamente la via Koraal nella baia di Jeffreys, grazie alla collaborazione delle società locali SP Excel e Scribante Construction e della scozzese MacRebur.

Dopo un anno di progettazione, la prima fase di attuazione coinvolgerà una grande quantità di rifiuti di plastica che saranno importati dalla Scozia e utilizzati nel primo progetto pilota. Gli scarti saranno trasformati in pellet con una tecnologia innovativa che consentirà di trasformare letteralmente l’asfalto tradizionale.

Sono lieto del risultato e che Kouga abbia accettato di diventare il primo comune in Sud Africa e nel continente a mettere alla prova la tecnologiaspiega a questo proposito l’AD di Macrebur, Vicki Knoetze. I rifiuti di plastica non riciclabili vengono trasformati in pellet e utilizzati per sostituire un grande componente del bitume in una miscela di asfalto convenzionale”.

Un grande risultato: innanzitutto il riutilizzo di un materiale che sarebbe finito ancora una volta negli oceani, ma anche una strada più forte e duratura. Stando ai detentori della tecnologia, infatti, l’acqua, la causa principale delle buche, non penetra così facilmente come nelle tradizionali miscele di asfalto ed è anche più resistente al calore.

Horatio Hendricks, sindaco del comune, aveva già dichiarato a marzo che il progetto nasce anche da un’esigenza economica del suo territorio: i debiti nelle riparazioni stradali sono infatti enormi e, anche se, stando alle dichiarazioni di Hendricks, il comune è ora finanziariamente stabile, non ci sono sufficienti risorse per coprire questi arretrati.

#plasticroad

Il sindaco è così convinto della bontà di questo investimento da confermare la possibilità per il comune di costruire una fabbrica per riciclare e produrre localmente pellet di plastica se il test si dimostrerà di successo.

Ambientalmente ottima, economicamente risolutiva e con potenziale creazione di nuovi posti di lavoro. La panacea di tutti i mali? Forse no, ma un’altra idea per porre fine alla dispersione di plastica che affligge interi ecosistemi.

Aspettiamo fiduciosi i primi risultati.

Leggi anche:

Roberta De Carolis

Foto: Southern Africa Polymer Technology

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook