Arrivano le pecore tosa erba: firmato protocollo con Coldiretti. L’elenco dei parchi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

50mila pecore nei parchi di Roma per tosare l’erba. Le vedremo davvero in azione, ora che è stato firmato in Campidoglio un protocollo di collaborazione tra Roma Capitale e Coldiretti per la tutela e la conservazione delle aree verdi della Capitale.

L’accordo, della durata di due anni, prevede tra i vari progetti sperimentali, proprio l’ “eco-pascolo”. Una pratica, ricorda il Comune in una nota, che non è una novità: nei parchi-campagna della Capitale esistono già da anni buone pratiche di questo tipo. Ma con il protocollo Campidoglio-Coldiretti si punterà a dare sistematicità, nuove prospettive e riconoscimento istituzionale a queste forme di collaborazione.

Il territorio di Roma già accoglie aziende che contribuiscono a manutenere territorio e paesaggio. Dal suo canto, l’Amministrazione Capitolina è impegnata direttamente in attività agricole con la gestione degli oltre 2.300 ettari delle due aziende agricole di Tenuta del Cavaliere e Castel di Guido. E così Roma non è solo la capitale più verde d’Europa, con i suoi circa 42 milioni di metri quadri di verde e 1.826 aree verdi, è anche il più grande comune agricolo d’Italia e tra i primi in Europa: circa il 40% della sua superficie ha destinazione agricola.

“In questo modo trae vantaggio l’ambiente, essendo le pecore falciatori a impatto zero, ma anche l’allevatore grazie alla disponibilità di un pascolo a fronte di una progressiva riduzione degli spazi verdi. Si tratta di fatto di una alternativa moderna alla transumanza che per secoli ha caratterizzato l’allevamento delle pecore ma che ora è resa difficile dall’urbanizzazione che ha drasticamente limitato le aree libere al pascolo”, spiega la Coldiretti.

L’elenco dei parchi dove ci saranno le pecore

Una parte dei grandi parchi urbani della Capitale, che occupano 18 milioni di metri quadrati, hanno le caratteristiche del parco-campagna: la Caffarella (che ospita un’azienda agricola con duemila ovini), il parco di Spinaceto, il parco degli Acquedotti. Nei parchi-campagna romani vivono 50mila capi, pronti ad essere impiegati in pratiche innovative. Il Dipartimento Tutela Ambientale ha già individuato una serie di aree in cui le aziende agricole possono praticare la fienagione. Gli agricoltori sono autorizzati a sfalciare l’erba, gratis e con mezzi propri, per poi prelevarla e destinarla all’alimentazione degli animali.

L’elenco delle aree individuate:

  • Municipio IV: Parco d’Aguzzano
  • Municipio V: Parco Casacalda, Parco Tobagi, Parco Centocelle, Parco Palatucci (zona
    acquedotto)
  • Municipio VI: Parco Via Gastinelli
  • Municipio VII: Tor Vergata, Parco degli Acquedotti
  • Municipio IX: Parchi-campagna Spinaceto, Parco Via Malpeli, Parco Tor de’ Cenci,
    parchi Mostacciano e Casal Brunori, Parco Achille Campanile, Parco Orsa Maggiore,
    Parco Boschiero – Devitis
  • Municipio XI: Parco Pino Lecce
  • Municipio XIV: Parco Valle Aurelia, Parco del Pineto
  • Municipio XV: Tenuta dell’Inviolatella Borghese, Tenuta dell’Inviolatella –Tor Crescenza – Acqua Traversa

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook