Guerrilla Knitting per combattere la criminalita’ in Gran Bretagna

Guerrilla Knitting, non soltanto un mezzo divertente per contrastare il grigiore cittadino, ma anche una strategia per permettere agli abitanti delle zone urbane di sentirsi meno minacciati dalla criminalità. È quanto accade in Gran Bretagna, per la precisione nel Leicestershire, dove la polizia locale ha deciso di servirsi del guerrilla knitting per ridurre il timore causato dalla criminalità.

La polizia del Leicestershire crede che grazie al Guerrilla Knitting i parchi e le principali strade cittadine appariranno più sicure per i cittadini, contribuendo a sconfiggere il loro timore per i criminali e mantenendo allo stesso tempo alla larga gli stessi malintenzionati. La convinzione è che un ambiente esterno dall’aspetto più confortevole possa ridurre la percezione della paura da parte dei cittadini.

Le decorazioni sono comparse soprattutto sugli alberi dei parchi, sulle cancellate e sui lampioni stradali, regalando alle città della zona un tocco di colore e di allegria. La loro realizzazione è stata affidata agli studenti delle scuole locali e a veri e propri gruppo di guerrilla knitting, come il Knitting Guerillas di Birstall.

Le azioni legati al Guerrilla Knitting hanno soprattutto lo scopo di formare nuovi legami tra i cittadini all’interno delle diverse località della zona. Una comunità più unita vedrà la presenza di persone che sapranno di poter contare le une sulle altre, sentendosi di conseguenza più sicure nei confronti di possibili attacchi da parte di criminali e malintenzionati.

knittinig polizia

Le opere realizzate grazie al Guerrilla Knitting sono state posizionate nelle zone delle città considerate a maggior rischio di criminalità. Di conseguenza, esse risulteranno trasformarsi nei luoghi maggiormente sorvegliati da parte della polizia locale, a seguito dei timori espressi da parte dei cittadini. La speranza delle autorità è che i cittadini si possano sentire più sicurii, dato che il livello di timore espresso in merito alla criminalità sarebbe molto differente rispetto ai reali casi di pericolo rilevati.

guerrilla knitting london

Secondo Charlotte Bilby, esperta di criminologia presso la Northumbria University, il Guerrilla Knitting può rappresentare un’arma efficace contro il timore della criminalità e la criminalità stessa. Non è la prima occasione in cui il Guerrilla Knitting viene considerato alla stregua di un potente mezzo di coesione sociale, come è avvenuto lo scorso anno a L’Aquila, grazie all’iniziativa “Mettiamoci una pezza”, nata per riportare calore e colore nel centro storico della città colpita dal terremoto nel 2009.

Marta Albè

LEGGI anche:

Guerrilla Knitting: combattere il grigiore della città a colpi di…lavori

Guerrilla Knitting made in USA: la Yarn Bombing di Magda Sayeg

Guerrilla Knitting: a 3 anni dal terremoto riportare colore a L’Aquila

Guerrilla knitting: un baobab gigante di lana riciclata per le Olimpiadi di Londra

Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Sorgente Natura

Pasta: come scegliere la migliore (non solo di grano duro)

Coop

Non solo dal contadino, si può scegliere etico anche al supermercato

Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Coop

Coop pianta più di 6.000 alberi per la campagna M’Illumino di meno 2020

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook