merletti 2

È possibile trasformare la propria città rendendola più bella? Decisamente si, perché se è vero che negli ultimi anni abbiamo visto peggiorare alcuni centri urbani a causa di abusivismo edilizio, cattiva manutenzione e a volte maleducazione dei cittadini, è anche vero che sono nate tante iniziative che cercano di cambiare questa situazione.

Proposte che vengono spesso da parte della cittadinanza più attiva, quella che ricrea bellezza in aree degradate, quella che dentro una buca ci mette un fiore, quella che considera il proprio quartiere come casa propria, amandolo e rispettandolo.

C’è poi tutto un lavoro fatto dalle associazioni, dagli artisti e dai vari movimenti, la società civile che ci mette la faccia per restituire alla propri luoghi un pezzetto di dignità perduta. Ecco allora dieci mosse per trasformare la propria città e renderla più bella.

1) Street Art

Un tocco di vita e di colore laddove il grigio cittadino ha preso il sopravvento, questa la mission della street art che, quando fatta con cognizione di causa, restituisce bellezza alle zone più degradate della città. Un movimento che ha preso piede in tutti i paesi del mondo e spesso viene utilizzato come attività di svago e socializzazione, come per esempio in Portogallo dove gli anziani si avvinano all'arte contemporanea e si allontanano dalla solitudine.

Leggi anche: Una mappa della street art a Roma: le strade diventano un museo (FOTO E VIDEO)

street art lisbona 10

2) Guerrilla Knitting

Chi non ricorda la storia di Grace, la nonnina di 104 anni che con i suoi lavori a maglia colora la città? Alberi, cabine telefoniche, reti metalliche sono state trasformate in intrecci di colori. E ancora panchine, staccionate e pontili diventati caratteristici e variopinti pezzi artistici.

Leggi anche: Guerrilla Knitting combattere il grigiore della città a colpi di..lavori a maglia

nonnina 2

3) Librerie urbane (bookcrossing)

Un'idea che fa bene all'ambiente perché, magari recupera spazi inutilizzati e alla propria cultura. Cosa c'è di meglio di leggere un libro seduto in un parco all'aria aperta? A New York per esempio, le vecchie cabine telefoniche sono state trasformate in librerie dove poter prendere gratuitamente un libro in prestito.

Leggi anche: Bookcrossing: a Berlino i libri germogliano dagli alberi

book

4) Raccogliere le cacche dei cani

La pulizia della nostra città è anche un nostro dovere civico. Spesso però, i proprietari dei cani se ne dimenticano e lasciano per strada i bisogni dei propri amici a 4 zampe. Diciamo, che più che far aumentare la vigilanza e i controlli, bisognerebbe imparare a rispettare la nostra città.

Leggi anche: Cacca di cane express: in Spagna la rispediscono al mittente

dog poo

5) Non buttare i mozziconi di sigarette

Esistono in commercio tantissimi posacenere tascabili, economici e anche con diversi packaging, insomma adatti a tutte le esigenze. Non esiste quindi un solo motivo, per cui il mozzicone debba finire per strada o ancor peggio in spiaggia.

Leggi anche: #neatstreets, idea geniale per ridurre i mozziconi sulle strade

hubbub london 000

6) Coltivare un orto urbano

Sono sempre più i cittadini che nel proprio quartiere danno vita ai cosiddetti orti urbani condivisi che, oltre a rappresentare una risorsa (ci si autoproduce alimenti a Km0) danno un tocco di verde alle città. Ammortizzato anche il problema dell'inquinamento e delle contaminazioni, non rimanere di armarsi di zappa e piantare ortaggi di stagione.

Leggi anche: Orti urbani: a Palermo un orto condiviso per l'integrazione sociale

orti urbani inquinamento cover

7) Adottare un parco

Sono tante le associazioni che si riappropiano di spazi abbandonati e li trasformano in luoghi di socializzazione e di divertimento anche per gli amici animali. A Roma, per esempio 100 Zampe creare ha creato un qualcosa di più di un posto recintato dove far correre i cani.

Leggi anche: 100 Zampe i cittadini adottano e riqualificano un parco di Roma per i cani

b2ap3 thumbnail adottiamo2

8) Guerrilla garden

Altro esperimento super riuscito: guerrilla garden che trasforma le buche che tormentano la vita di pedoni, automobilisti e ciclisti, in deliziosi giardini in miniatura fioriti. Per la serie quando si dice almeno tappiamo i buchi.

Leggi anche: Guerrilla garden: l'uomo che trasformava le buche in mini giardini fioriti

ianac pothole gardener 13 529 600 450 70

9) Tappare le buche

Cos'hanno in comune Steve Wheen, meglio noto come The Pothole Gardener, Juliana Santacruz Herrera e Jim Bachor? Tutti e tre abbelliscono le strada tappando le buche, per la gioia di tutti gli automobilisti!

Leggi anche: Jim Bachor: l'artista che ripara le buche delle strade di Chicago con i mosaici

bachor cover

10) Ripulire i muri e... non solo

Da forma di "ribellione" al degrado cittadino a vero e proprio movimento. Retake Roma riunisce i cittadini che hanno voglia di valorizzazione gli spazi comuni e diffondere su tutto il territorio della Capitale il senso civico.

Leggi anche: Retake Roma: la ribellione della cittadinanza civile

Dominella Trunfio

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram