Cimiteri a risparmio ecologico: Aosta sostituisce i lumini con i LED

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non ci si pensa mai, ma quanto incide l’illuminazione dei cimiteri sulle casse comunali e sull’ambiente? Un argomento portato oggi alla ribalta dal Comune di Aosta che nei giorni scorsi ha approvato l’adesione al progetto “VotivA+” che prevede la sostituzione di “2.000 dei circa 3.700 lumini votivi installati nei cimiteri di Aosta, Excenex e Signayes con lampade elettroniche a led per l’illuminazione votiva”.

Patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato dalla società “Gesco srl” in partenariato con la campagna europea See (“Sustainable Energy Europe”, Energia Sostenibile per l’Europa”) lanciata dalla Commissione europea, il progetto, grazie all’installazione delle lampade a LED comporterà un abbattimento dei consumi energetici di circa 77mila Kw annui, ossia un risparmio per le casse comunali stimato in 5.000 euro all’anno, senza contare quello che si realizzerà grazie alla maggiore durata delle lampade che utilizzano la tecnologia led.

Risparmio che, se il progetto dovesse dare i frutti sperati, potrebbe farsi sentire concretamente anche sulle tasche dei cittadini: «Oltre a fornire una risposta in termini di risparmio energetico – commenta il vicesindaco con delega ai Servizi cimiteriali, Alberto Follien –l’intervento, una volta esteso a tutti i lumini in funzione nei cimiteri di Aosta e qualora i risultati della prima sperimentazione fossero positivi, potrebbe permetterci in futuro di rivedere al ribasso l’importo annuale della tassa pagata per la lampada votiva».

Mica male no?

Simona Falasca

Leggi anche i 10 motivi per scegliere i LED

Leggi anche Le Lampadine a LED sono davvero così ecologiche?

 



Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook