riciclo_bombe

Dormire sonni tranquilli e rilassanti su un'arma da guerra. Sembra uno scherzo o un paradosso, e invece è realtà, grazie allacollezione di mobili e complementi di arredo proposta da uno dei più famosi scultori estoni, Mati Karmin, a partire da una materia prima indubbiamente originale: le bombe navali. La proposta di riciclo creativo avanzata da Karmin si basa su un concept di grande forza e significato: trasformare degli oggetti nati per essere strumenti di distruzione e di morte in accessori funzionali, esteticamente pregevoli, che possono arricchire e rendere davvero uniche case ed appartamenti.

Certo, i risultati di questa “metamorfosi concettuale” possono o meno incontrare il nostro gusto – non tutti, infatti, gradirebbero dormire in un letto realizzato dal metallo corroso e ossidato di una “vecchia” bomba e che rievoca molto chiaramente, nelle linee e nello stile, la sua origine militaresca – ma l’operazione compiuta da Karmin è davvero interessante.

La collezione comprende stufe, poltrone, culle, carrozzine per neonati, letti, acquari e svariati altri complementi e accessori con cui riempire e decorare gli interni delle nostre abitazioni. Alla base di questa insolita soluzione di arredo ci sono tre tipologie di bombe - due modelli fabbricati in Russia a cavallo tra gli anni Quaranta e Cinquanta e utilizzati per colpire i sottomarini del nemico e un modello di fabbricazione russa e tedesca risalente agli anni Sessanta - del diametro di circa 90 cm e del peso di circa 1 tonnellata.

bombe_spiaggia_naissaar

Il cinquantenne scultore estone ha concepito l’idea di una collezione di arredi basata su quel che resta di bombe navali all’incirca 5 anni fa, dopo un passeggiata lungo la costa della piccola isola di Naissaar, a nord-ovest di Tallinn, capitale dell’Estonia. Fino ai primissimi anni Novanta, l’isola era stata un importante avamposto militare sovietico: quando abbandonarono la base, i soldati sovietici distrussero tutto l’arsenale di bombe marine, lasciandone i resti e gli involucri sulla spiaggia.

Proprio da quello spettacolo desolante e dal desiderio di Karmin di creare, sperimentare e osare nasce MarineMine, Mine Forniture, una collezione di arredi funzionali che rievoca la storia estone della seconda metà del XX secolo, offrendo anche, nello stesso tempo, un esempio concreto e sorprendente delle potenzialità del recupero e del riciclo dei materiali

Lisa Vagnozzi

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram