patrull

Occhio alla luce con sensore di IKEA "Patrull": è potenzialmente pericolosa, soprattutto per i bambini. Dopo la polemica negli Usa sulle cassettiere che si ribaltano, il colosso svedese dei mobili invita i clienti che hanno acquistato la luce con sensore PATRULL a non utilizzarla e a riportarla in qualsiasi negozio IKEA, dove riceveranno il rimborso.

Perché? L'azienda ha ricevuto la segnalazione di un caso in cui un bambino di un anno e sette mesi, giocando con la luce PATRULL, ha cercato di estrarla dalla presa di corrente e il coperchio si è staccato. Il bambino ha preso la scossa, riportando evidenti lesioni sulla mano.

"La sicurezza è da sempre una priorità per IKEA. Quando si verificano incidenti in cui sono coinvolti prodotti IKEA, interveniamo con tempestività: la luce con sensore PATRULL è stata immediatamente ritirata dal mercato", spiega l'azienda.

Il prodotto, in ogni caso, era stato collaudato e risultava conforme a tutte le leggi e le norme applicabili. Nell'indagine che ha fatto seguito all'incidente, sono state esaminate oltre 600 luci PATRULL senza riscontrare alcun problema. Ma per scongiurare il rischio di ulteriori incidenti il prodotto è stato ritirato dagli scaffali.

La luce con sensore PATRULL è in vendita in Europa e Nord America dal 2013. I clienti che desiderano restituire la luce con sensore PATRULL possono riportarla in qualsiasi negozio IKEA, dove riceveranno il rimborso. Non è richiesto lo scontrino fiscale.

Per ulteriori informazioni, clicca qui o contatta il Servizio Clienti al numero verde 800 92 46 46, dalle 9 alle 20, da lunedì a sabato.

Roberta Ragni

Leggi anche:

ALLARME CASSETTIERE MALM IKEA: SI RIBALTANO, MORTI 2 BAMBINI NEGLI USA

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog