Carta da parati ecologica: come rinnovare le pareti di casa in modo sostenibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La carta da parati, vero e proprio culto negli anni ‘60 e ‘70, sta tornando di moda tra gli appassionati di interior design grazie al fascino dei motivi ispirati al passato e rivisitati in chiave moderna. Decori geometrici, sfondi floreali e tinte unite raffinate rientrano nelle nostre case in alternativa alle tradizionali vernici, per decorare e abbellire le pareti di salotti e camere da letto.

Purtroppo però la carta da parati non rappresenta quasi mai una scelta sostenibile per l’ambiente e chi è sensibile alle tematiche ambientali si trova spesso costretto a rinunciare al fascino retrò delle tappezzerie per pareti.
Normalmente infatti, le carte da parati sono prodotte con materiali misti che includono carta, tessuto non tessuto, fibre sintetiche, coloranti, vernici e colle. Molti dei materiali utilizzati per le carte da parati richiedono processi di produzione inquinanti e nel prodotto finale sono praticamente impossibili da separare e riutilizzare.

Quando si desidera sostituire la carta da parati perché danneggiata o per rinnovare gli ambienti, non resta che portare la vecchia carta da parati in discarica, dove non potrà essere riciclata per produrre nuova carta o altro: verrà pertanto incenerita, con produzione di anidride carbonica e sostanze potenzialmente pericolose per l’ambiente rilasciate dalla combustione di colle, vernici e pigmenti.

Fortunatamente negli ultimi anni la sensibilità verso l’ambiente è cresciuta anche nel settore del design e molte aziende hanno iniziato a proporre sul mercato prodotti più sostenibili anche nel settore delle carte da parati.

Un esempio è la carta da parati ecologica Venuso lino, una nuova tappezzeria completamente compostabile realizzata partendo da materie prime completamente vegetali.

carta da parati ecologica
Venuso lino è infatti costituita per il 65% da lino e per il restante 35% da viscosa, materiali che richiedono quantità limitate di risorse durante il processo produttivo e che risultano totalmente biodegradabili al termine della loro vita.

Le fibre di lino sono state scelte per la produzione di questa carta da parati ecologica poiché la coltivazione della pianta del lino è particolarmente efficiente e sostenibile.
Le fibre di lino hanno poi caratteristiche che le rendono ideali per realizzare tappezzerie poiché sono antistatiche, repellenti verso lo sporco e battericide.
La viscosa è stata inserita nella formulazione della nuova tappezzeria ecologica per garantire l’aderenza della carta alle pareti: la viscosa è un materiale naturale che deriva dal legno e quella scelta per Venuso lino proviene da coltivazioni sostenibili certificate FSC.

Grazie a un metodo innovativo che prevede l’infeltrimento delle fibre, questa tappezzeria risulta compatta, resistente e robusta senza la necessità di utilizzare leganti chimici.
Inoltre, non vengono usati coloranti artificiali e questo dona alla carta da parati un aspetto naturale e delicato.

La carta da parati Veruso Lino può essere posata senza grandi sforzi anche da persone senza esperienza, seguendo le istruzioni fornite dal produttore e utilizzando uno speciale adesivo biologico e biodegradabile composto da un derivato della cellulosa.

carta da parati ecologica

Per garantire la compostabilità della carta da parati, non devono essere utilizzate colle diverse e la tappezzeria non va verniciata.

Poiché prodotta utilizzando solo materiali di origine vegetale e priva di additivi chimici, colle, vernici e altri composti potenzialmente pericolosi, questa carta da parati non produce esalazioni nel tempo e non presenta rischi per la salute umana.

Oltre alle caratteristiche di sostenibilità, la tappezzeria Venuso lino presenta anche qualità funzionali molto interessanti.
Innanzitutto è fonoassorbente, quindi consente di attutire i rumori interni alle abitazioni e di ridurre i suoni verso l’esterno.
In secondo luogo il rivestimento delle pareti con Venus lino consente di isolare termicamente la propria casa, poiché la carta è in grado di assorbire parte del calore emesso dall’impianto di riscaldamento e rilasciarlo nel tempo: questo permette di risparmiare in energia necessaria per riscaldare l’abitazione.

Infine, l’innovativa carta da parati ecologica aiuta a regolare l’umidità degli ambienti migliorando il clima e la salubrità degli spazi interni della casa.
La posa della tappezzeria va comunque evitata negli ambienti molto umidi, come bagni, cucine e cantine.

Sebbene la carta da parati Venuso lino risulti particolarmente robusta e quindi durevole nel tempo, può capitare di avere la necessità di sostituire la tappezzeria. In questo caso, la carta rimossa dalle pareti può essere gettata senza alcun timore nella compostiera.
La carta da parati ecologica, ridotta in piccoli pezzi e mescolata con altri rifiuti biologici, si decomporrà entro sei mesi o al massimo un anno: la sua decomposizione non solo non inquinerà, ma rilascerà nel compost preziose sostanze che serviranno da nutrimento per altre piante.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook