Hello Hub: il chiosco fotovoltaico per i bambini che non hanno le scuole

Hello Hub

Nigeria. Sette mesi dopo il rapimento di 300 studentesse in Nigeria da parte dei terroristi, molti studenti locali hanno ancora paura ad andare a scuola. In altre parti del paese, i bambini non vanno perché non esistono scuole. Molte città e paesi non possono permettersi di pagare gli insegnanti. In tutta la nazione, oltre 10,5 milioni di bambini non vanno a scuola, più che in qualsiasi altra parte del mondo. Ma una città nigeriana da tempo ha avviato un prototipo per un nuovo tipo di educazione che non comporta una scuola o degli insegnanti. Grazie all'energia del sole.

Si chiama Hello Hub ed è un chiosco di computer collegato ad Internet grazie all'elettricità prodotta da un pannello fotovoltaico e offre centinaia di giochi educativi. È robusto abbastanza da resistere alle tempeste di polvere, alla pioggia e a migliaia di utenti. Costruito e di proprietà della comunità, il sistema è disponibile per chiunque, non solo i bambini ma anche agli adulti e può essere usato in qualsiasi momento.

Abbiamo deciso che un nuovo paradigma per l'educazione è essenziale, quello che realmente può raggiungere tutti i bambini in difficoltàha spiegato Katrin McMillan, fondatore e CEO di Project for All, l'organizzazione che ha creato Hello Hub.

Il progetto si è ispirato in parte a Sugata Mitra, il vincitore 2013 del Premio TED secondo cui le scuole così come noi le conosciamo sono obsolete. Mitra ha dimostrato con vari esperimenti che le opere di auto-apprendimento tramite computer messe a disposizione dei bambini che vivono in baraccopoli o in località remote, hanno permesso loro di imparare da soli materie come l'inglese e anche le basi delle biotecnologie.

Invece di cercare donazioni, il progetto ha coinvolto l'intera comunità, chiedendo di contribuire a cercare le aree più adatte dove installare gli Hello Hub. E ha coinvolto anche i visitatori, chiedendo di contribuire a costruire il chiosco di computer partendo da zero.

Abbiamo costruito il primo Hello Hub più di un anno fa, in una parte estremamente povera della Nigeria, in mezzo alla violenza di Boko Haram. Così abbiamo scelto più o meno il posto più difficile da avviare. E Hello Hub non solo è ancora in piedi, ma è stato mantenuto e riparato e addirittura migliorato.

L'organizzazione prevede di portare altri chioschi in tutto il mondo, nelle aree in cui i ragazzi e i bambini non hanno accesso alle scuole, tra cui i campi profughi e ha già in programma di costruirli in Tanzania, Rwanda, Kenya, Ghana, India, Perù e Haiti.

Il progetto per costruire un Hello Hub è open source, e tutta la tecnologia è facilmente disponibile, a basso costo e durevole.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

Il generatore elettrico che va a urina inventato da 4 ragazze africane

Malala dona 50 mila dollari ricevuti in premio per ricostruire 65 scuole di Gaza

Loading Player...
Watching: Benessere (93 videos)
Loading...
Playlist: 0