[Alt-Text]

GreenPeace-Facebook

Facebook e Greenpeace sotterrano "l'ascia di guerra" e insieme si impegneranno a promuovere le rinnovabili. Dopo aver lanciato diverse campagne contro il social network più famoso del mondo, molte delle quali servendosi proprio del social network più famoso del mondo, e dopo l'impegno preso dall'azienda di Zuckemberg di limitare l'utilizzo di fonti fossili per i propri server seguito a queste, Greenpeace collaborerà insieme a Facebook per diffondere le energie rinnovabili e incoraggiare le aziende energetica a puntare sulle fonti pulite.

Leggi tutto: Facebook insieme a Greenpeace per un futuro di energia pulita

WeTopia

Sono sempre più le persone che, ogni giorno, si connettono al web per destreggiarsi con giochi come Farmville. Persone di ogni età, genere e nazionalità, che comprano e vendono beni di consumo e costruiscono le loro perfette fattorie piantando alberi, coltivando orti e allevando animali. Davvero una quantità consistente di utenti (circa 30 milioni, pare). E allora c'è chi ha pensato che questa nuova forma di gioco potesse anche avere un effetto "solidale" e reale, per così dire: sono gli Studios Sojo e il loro nuovo prodotto, lanciato in una versione preview negli scorsi giorni negli Stati Uniti, si chiama WeTopia. Un'idea tanto semplice quanto geniale e, soprattutto, scaturita da una buona causa.

Leggi tutto: WeTopia: ecco il social games solidale, che aiuta i bambini dei paesi più poveri

GreensEFAabreviation

Parola d'ordine condivisione. Legalizzare al più presto il file-sharing di ogni tipo di documento per uso personale, mettere al bando le soluzioni DRM e fissare una durata massima per il diritto di copyright di soli 5 anni: è la proposta lanciata in un nuovo documento programmatico (Creation and Copyright in the Digital Era) dal gruppo politico ambientalista - Gruppo Parlamentare dei Verdi - che oggi occupa ben 57 seggi del Parlamento UE.  

Leggi tutto: Copyright: i Verdi Europei vogliono legalizzare file-sharing e P2P

cloud-computing

La nuova frontiera dell’Information Technology sembra essere il cosiddetto cloud computing: un modo suggestivo per dire che le attività che svolgiamo ogni giorno via computer potrebbero ben presto essere interamente ospitate, gestite e memorizzate all’esterno delle nostre case e dei nostri uffici, nella cosiddetta “nuvola”. Ciò significa che ai programmi e ai file si accederebbe via internet - un po’ come accade già oggi con gli account su Facebook - usufruendo di un hosting service provider esperto e superattrezzato che avrebbe l’obbligo di provvedere alla gestione informatica dell’intero sistema, garantendo nello stesso tempo privacy e sicurezza dei dati.

Leggi tutto: Il cloud computing è green?

doodle_google

Energia ottenuta dal sole, prati in fiore, pale eoliche che stagliano in cielo il tricolore, ma anche acqua riciclata e biogas ottenuto dai rifiuti: è questa l’immagine che i bambini di una scuola elementare hanno dell’Italia che verrà.

Leggi tutto: Doodle 150 anni Unità d'Italia: vincono le energie rinnovabili

grow-the-planet-home-page

Hai un orto sul balcone o un ettaro disponibile ma non sai cosa coltivarci e come farlo? Semplicissimissimo, lo sarà. Grazie a Grow the Planet, una start-up interamente italiana che sta raccogliendo notevole interesse dopo essere stata presentata al TechCrunch Disrupt insieme ad altre start-up mondiali.

Leggi tutto: Grow-the-planet: fai crescere l' orto 2.0 e crea il tuo G.A.S. personale

posta_elettronica

Per i green geek non è certo una bella notizia: inviare messaggi con l’amata posta elettronica inquina decisamente tanto. Sembra infatti che inviare 8 e-mail emetta la stessa quantità di Co2 rilasciati da un automobile che percorre 1 chilometro.

Leggi tutto: otto Email inquinano come un auto che percorre un km

cloud_computing

Vi siete mai chiesti con quale energia vengono alimentate le nostre attività sulla rete? Bene, è il momento di farci questa domanda, perché – stando ai dati pubblicati nell’ultimo rapporto di Greenpeace, dall’emblematico titolo “How Dirty is Your Data?” – la rapida crescita delle attività su internet va di pari passo con un impatto ambientale sempre più accentuato e insostenibile, dato soprattutto dal ricorso al carbone, usato proprio per alimentare la crescita della Rete.

Leggi tutto: Cloud Computing: Internet è alimentata da "energia sporca": ecco le peggiori aziende della Rete

greenpeace_facebook_milano

Una sfida senza precedenti, da vero e proprio Guinness dei primati quella lanciata oggi da Greenpeace in tutto il mondo per invitare Facebook a rinunciare al carbone e al nucleare e utilizzare solo energia rinnovabile per alimentare i suoi enormi data center.

Leggi tutto: Unfriend coal : a tutto il mondo Facebook piace verde. Dilaga sul web la campagna di Greenpeace

Cerca

Social