[Alt-Text]
  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso
    Login Modulo Login

Il Perimetro dell'Italia in vespa

il_perimetro

Due ragazzi, un viaggio in vespa attorno all'Italia. Ma non solo: quello di Eleonora e Gianluca vuole essere un percorso-manifesto attorno all’Italia che si batte per un rapporto leale e responsabile tra la terra e lavoro.

Non è solo un'idea romantica, ma un progetto aperto volto a riscoprire la bellezza e raccontare giorno dopo giorno le possibilità e le prospettive del Bel Paese sopravvissute al consumo, al cemento e alla televisione. E ai luoghi comuni.

La curiosità per il progetto è tanta e ce ne si innamora subito: basta dare un'occhiata al loro sito www.donostia.it/ilperimetro e chiarirsi le idee con questa intervista per capire la passione che li anima.

-Perché il vostro progetto si chiama Il Perimetro?

Perché è un viaggio lungo il "profilo" del nostro Paese, come se la Vespa, il nostro mezzo, fosse una matita con cui ridisegnare l'Italia.

-Com'è nata l'idea e con quale scopo? Sul vostro sito dite: "Forse l’alternativa al fuggire dall’Italia è proprio quella di fuggire nell’Italia".

Oggi la tendenza sembra essere quella di trovare la propria affermazione all'estero, in quei Paesi che "funzionano meglio" o "offrono migliori possibilità". L'idea di girare in profondità l'Italia nasce proprio dall'esigenza di capire quanto ci sia di vero e di sensato in questa fuga e se per caso non ci siano delle risorse e delle prospettive che semplicemente non conosciamo e che ci permetterebbero di affrontare e superare la crisi strutturale in cui l'Occidente tutto è immerso.

-Il vostro viaggio parte a Settembre 2013. Cosa state facendo adesso?

Stiamo raccogliendo tutte le energie necessarie alla realizzazione de Il Perimetro. Abbiamo iniziato realizzando il sito internet (nella vita siamo progettisti web) e ora tutto il lavoro verte sulla preparazione dei diversi aspetti del viaggio. Intanto stiamo studiando i territori che incontreremo e le tematiche da affrontare. Stiamo, inoltre, tessendo la rete delle tappe, che saranno più di quarantacinque, in collaborazione con "Viaggi e Miraggi" - una cooperativa sociale che si occupa di turismo responsabile e sostenibile. E poi stiamo preparando la Vespa, l'attrezzatura tecnica di ripresa video e fotografica, e un po' anche noi stessi, con qualche corsetta serale con tanto di stretching!

-Il vostro mezzo di trasporto: una Vespa 150 SprintVeloce del 1973. Perché l'avete scelto? Avete trovato "compagni di viaggio" in sella a una vespa in giro per il mondo?

Un po' perché ce la siamo ritrovata e un po' perché abbiamo letto i libri di Giorgio Bettinelli, l'idea di viaggiare in Vespa è in effetti iniziata anni fa. La Vespa è un mezzo molto robusto e semplice da riparare, costa poco ed ha quella carica romantica che ben si accosta alla poetica del viaggio. Soprattutto è un mezzo che riscuote simpatia un po' ovunque; ed entrare in un paesino ben accolti dalla popolazione è un fattore determinante per poter stabilire uno scambio con i posti che incontri. Molti vespisti condividono questo punto di vista, ce lo hanno detto ogni volta che li abbiamo incontrati. E se ne incontrano!

-Chi volesse partecipare al vostro progetto cosa può fare?

L'aspetto che più ci preme è la ricerca di storie che possano confermare la nostra tesi di fondo: l'Italia è un posto dove le possibilità esistono ma vengono occultate e schiacciate dalla non-cultura del consumo. Trovate queste storie da incontrare e documentare, siamo alla ricerca di sostegno attivo sia da parte delle persone comuni, sia da realtà più strutturate. Principalmente ci serve attrezzatura, ospitalità e visibilità. Abbiamo scelto infatti di non richiedere finanziamenti econonomici fatto salvo una piccola campagna di crwodfounding che partirà a breve e la possibilità di fare una donazione sul sito con il paypal. Vorremmo, insomma, mantenere Il Perimetro nell'ambito dei progetti pensati e sviluppati dal basso.

-Il vostro Wiki. Ce lo spiagate in parole semplici? A cosa serve?

Vorremmo che Il Perimetro nascesse e si sviluppasse con il contributo di tante intelligenze diverse, come se si trattasse di un contenitore pronto ad essere popolato di contenuti, spunti e segnalazioni. Vorremmo dare spazio a questa esigenza sia permettendo a tutti gli attori che incontreremo di esprimere la loro visione sui temi da affrontare - dalla cementificazione, al turismo sostenibile, alle prassi di transizione - sia mettendo a disposizione di tutti uno strumento apposito che è appunto il wiki. Si tratta di un piccolo software installabile su un sito web che permette di scrivere un documento a più mani, come avviene con le voci enciclopediche di wikipedia. Si tratta senz'altro di un esperimento, non sappiamo ancora se avrà successo. Intanto qualcuno ha già visitato la pagina, si è iscritto e ha detto la sua, segnalandoci alcune interessantissime realtà. Per chi vuole l'indirizzo è www.donostia.it/ilperimetro/wiki

-Come è stato accolto il progetto fino ad oggi?

Ad essere sinceri meglio di quanto potessimo immaginare! La sensazione che abbiamo quando ne parliamo è simile a quella provata entrando in certi paesini irlandesi o della campagna tedesca: la gente ti sorride, alcuni ti fotografano, tutti ti fanno un in bocca al lupo. La differenza rispetto agli altri viaggi è che questa volta l'entusiasmo si trasformerà in storie, incontri e confronti, chiamando queste persone a costruire assieme a noi il dipinto del Perimetro.

 

Per chi volesse dare il proprio contributo o ricevere informazioni: http://www.donostia.it/ilperimetro/wiki


Guarda la gallery dei viaggi precedenti:

 

 

Passeggero Leggero è anche su Facebook 

Passeggero Leggero

Promuovi anche tu la tua Pagina

Vota:
Slow tourism attitude!
Mi piace scovare e diffondere idee per viaggiare in modo responsabile, novità dal mondo del turismo slow, spunti per vacanze alternative! Il mio profilo su g+ è Valentina Nargino

Commenti

  • Ospite
    Eduardo 05 Agosto 2013

    ...fare!

    Ma allora non è tutto brutto...! Le cose belle si possono ancora pensare, diffondere e, soprattutto, fare!

Lascia il tuo commento

Ospite
Ospite 18 Dicembre 2014

Cerca

Scarica GRATIS il calendario "di stagione" 2015

Social