• Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso
    Login Modulo Login

I segreti dell'ananas 2: seminarlo? Mangiarlo!

Infruttescenza di ananas

In attesa che la vostra pianta di ananas cresciuta dal ciuffo decida di donarvi un frutto, visto che passerà anche più di un anno, se volete mangiarne qualcuno le opzioni sono 2: trasferirvi ai tropici, oppure continuare a comprarne qualche triste esemplare nei negozi e qualche ancora più triste scatola di ananas sciroppato.


A volte però anche gli ananas del supermercato riservano qualche sorpresa: io li compro solo molto maturi, per intenderci non ci devono essere tracce di verde sulla buccia e l'odore deve essere abbastanza nauseabondo, sanno un po' di pneumatico. Ma dentro sono dolcissimi. Osservate le tante scaglie che compongono un ananas, ognuna di esse è un frutto, unito agli altri a formare un'infruttescenza: prima ad ognuna corrispondeva un fiore.

Essendo frutti, ognuna delle "scaglie" dell'ananas dovrebbe produrre dei semi. In realtà le varietà in commercio nella maggior parte dei casi sono sterili: il frutto dell'ananas si sviluppa anche senza che ci sia stata impollinazione. Io sono fortunata e mi è capitato spesso di trovare un sacco di semi. Il mio prossimo esperimento sarà crescere le piantine da seme: mettendoli prima a germogliare sul cotone bagnato e poi chiuso in un sacchetto di plastica (ci vorrà circa 1 mese). Poi piantando le piantine al caldo, coperte da mezza bottiglia tagliata a mo' di serretta se è inverno...ma aspetterò l'estate. Ecco i semi in foto, stanno proprio dietro la parte rotonda più dura al centro di ogni frutto.

 

I semi dell'ananas

Dopo tanto studio e lavoro, ecco il momento di cucinare i nostri eroi.  La cosa più semplice da fare, soprattutto quando l'ananas fresco non è molto dolce, è caramellarlo come spiego qui.

Ma in questi giorni mi è venuta voglia della torta che mi faceva la nonna con l'ananas sciroppato (una volta quello fresco mi sembrava esistesse solo a Natale nei negozi) e le noci: ecco la ricetta!

Torta di Ananas della Nonna Ginesta

Ingredienti:

8 cucchiai di farina, 5 cucchiai di zucchero, 20 noci, 75 g di burro, 2 uova, 1 scatola di ananas sciroppato a fette, 1/2 bustina di lievito

Scegliete uno stampo tondo che possa andare anche sul fuoco e ungerlo di burro. Stendeteci sopra 1 cucchiaio di zucchero e mettetelo sul fuco a caramellare. Poi spegnete e tenetelo da parte a raffreddare. Nel mio stampo stanno 8 fette di ananas, quindi tengo da parte 4 noci e le altre 16 le trito finemente.

Al centro di ogni fetta disporre mezza noce



In una teglia mischiare la farina, il lievito, lo zucchero e le noci tritate tenendone. Aggiungere il burro sciolto,  le 2 uova e qualche cucchiaiata di sciroppo dell'ananas. Aprite le 4 noci in modo da conservare le due metà intere e mettetele al centro di ogni fetta di ananas stesa nello stampo e versate sopra l'impasto, che deve risultare abbastanza liquido. Stendetelo bene e infornate a 180° per circa 1 ora, controllando la cottura con uno stuzzicadenti.

Rovesciate la torta cotta su un piatto da portata in modo da vedere la parte decorata con l'ananas.

Torta di ananas della Nonna Ginesta

 

Buon appetito!  E per altre informazioni e ricette.... seguimi su facebook!

Isabella

Vota:
Piu' informazioni su: Ananas noci semi torta
Sono laureata in Scienze Naturali e specializzata in botanica. Viaggiando in lungo e in largo il nostro bellissimo pianeta mi sono resa conto che le persone e le esperienze sono i libri migliori da leggere. Amo scavare nei ricordi e nelle tradizioni, imparare della culture lontane e passare il tempo all'aria aperta. Fotografo e raccolgo erbe spontanee o che coltivo io stessa, che poi trasformo in cibi, cosmetici, medicamenti...

Commenti

  • Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Lascia il tuo commento

Ospite
Ospite 23 Ottobre 2014

Cerca

Social