Sono Isy, e in questo blog è concentrata la mia passione per la natura, in tutte le sue forme. Sono laureata in Scienze Naturali e specializzata in botanica ed etnobotanica. Amo scavare nei ricordi e nelle tradizioni, imparare della culture lontane e passare il tempo all'aria aperta. Fotografo e raccolgo erbe spontanee o che coltivo io stessa, che poi trasformo in cibi, cosmetici, medicamenti...

Fiori di tarassaco in aceto di mele: due ricette per gustarli e depurarci

Aprile: dopo il caldo e le piogge è arrivato il momento di tagliare l'erba nel mio giardino...che non è altro che una distesa di piante di tarassaco (Taraxacum officinale) o dente di leone.

Oltre a mangiare le foglie giovani in insalata e ad utilizzarle cotte come si fa per la cicoria, non spreco neppure i fiori: raccolgo i boccioli da utilizzare allo stesso modo dei capperi ed i fiori sbocciati per produrre un elisir depurativo e dissetante, oltre che un aceto aromatico e che possiede le stesse proprietà depurative della pianta: i suoi principi amari  depurano  fegato e cistifellea, stimolando i reni e favorendo l'eliminazione delle tossine.

 

Continua a leggere

Depurarsi con la "manna": la preziosa linfa di Frassino che viene dalla Sicilia

L'anno scorso la vita mi ha portata nella magnifica isola di Sicilia, dove ho conosciuto persone calde e piene di passione per la vita e soprattutto mi sono avvicinata ad una cultura erboristica e popolare che ha tanto da insegnare e conservare.

Continua a leggere

Burro di cocco montato a neve: come autoprodurlo ed utilizzarlo per la bellezza e in cucina

burro di cooco

Ormai sono anni che utilizzo l'olio di cocco per confezionare idratanti per il corpo e per i capelli, l'ho condiviso in uno dei miei primi articoli su questo blog, e non ho mai smesso di utilizzarlo. Per il corpo utilizzo l'olio di cocco alimentare venduto nei negozi etnici ed utilizzato per cucinare in tanti paesi, come l'India. Quando invece voglio utilizzarlo come cibo, cerco di procurarmi in rete olio di cocco spremuto a freddo e di una migliore qualità, per sfruttare le sue tante proprietà:

Continua a leggere

Pietanze a base di carne di gatto servite in un ristorante svizzero: lo chef si vanta di mantenere viva la cultura.

In Svizzera mangiare cani e gatti non è illegale, quindi prima di additare gli asiatici sarebbe bene guardare dietro casa... Secondo l'associazione Sos Chats Noiraigue, che nel 2014 ha raccolto circa 16.000 firme portando in parlamento una petizione per esigere il divieto del consumo di carne di gatto e di cane in Svizzera, circa il 3% degli svizzeri mangiano di nascosto carne di cane o di gatto. La carne di cane e’ principalmente utilizzata per produrre salsicce e grasso contro i reumatismi. Quanto alla carne di gatto, e’ consumata piuttosto in famiglia e cucinata come il coniglio durante le festivita’ natalizie.

Continua a leggere

Biscotti avena e frutta: vegan, solo due ingredienti, senza zuccheri e grassi aggiunti

biscotti avena

È già un po' di tempo che sono incuriosita da una ricetta di biscotti morbidi per la colazione a base di fiocchi d'avena e frutta. Nei blog americani di cucina naturale sono molto popolari e proposti in mille varianti e con nomi del tipo "biscotti magici" o semplicemente "two ingredients oatmeal cookies". A tenere insieme i fiocchi d'avena sono di solito le banane nolto mature, che essendo anche dolcissime, non hanno bisogno dell'aggiunta di zuccheri. 

Continua a leggere

La goccia che sconfigge la gravità grazie alle onde sonore: la levitazione acustica, l'evoluzione della cimatica


b2ap3_thumbnail_tumblr_inline_mvchrsWq2b1rghjnq_20151008-124037_1.png

In un articolo di qualche mese fa, vi parlavo del principio per cui le onde sonore, propagandosi nell'aria, influenzano la materia: è possibile rendere visibile questo fenomeno con dei semplici esperimenti che abbinano particelle di sabbia e suoni, e si tratta di una vera e propria scienza, chiamata  cimatica.

Continua a leggere

La fioritura autunnale dell'edera, una risorsa per gli insetti

b2ap3_thumbnail_hedera_helix_common_ivy_flowers_29-08-04.jpg

L'edera ha qualcosa che mi attira inspiegabilmente: in fondo è una pianta comune, per di più velenosa, ma la trovo bellissima, con le sue foglie lucide e forti. Quando faccio lezione di botanica ai ragazzi questa pianta è una miniera di esempi pratici per comprendere i termini botanici, gli adattamenti delle piante ed i rapporti tra esseri viventi.  In  più è difficilissimo ucciderla.

Continua a leggere

E' Autunno! Perchè le foglie si colorano e cadono?

b2ap3_thumbnail_3db887a5-dc78-4f56-8032-53162bacda05.jpg

Lo splendore dei colori autunnali sta per rallegrare i nostri occhi: la miscela di rosso, viola, arancio e giallo è il risultato di processi chimici che avvengono nella struttura delle piante man mano che le stagioni passano.

Durante la primavera e l'estate le foglie sono state vere e proprie fabbriche di produzione dei nutrienti necessari alla crescita delle piante, grazie alla presenza al loro interno di numerose cellule contenenti clorofilla, il pigmento che dona alla foglia il colore verde. Per una straordinaria reazione chimica, grazie alla clorofilla, i vegetali assorbono dalla luce solare l'energia che viene utilizzata per trasformare anidride carbonica e acqua in carboidrati, quali zuccheri e amidi e produrre ossigeno.

Continua a leggere

Crema leggera all'acqua, limone e miele: senza latte, uova, nè glutine

b2ap3_thumbnail_13ok.jpg

Alla ricerca di una crema fresca e leggera per una crostata di frutta, mi sono imbattuta nella ricetta della crema all'acqua del blog di Enrica, e ho deciso di provare la versione al limone, sostituendo lo zuccchero con il miele: è buonissima! E soprattutto possono consumarla anche le persone con intolleranze multiple.

 

Continua a leggere

Echinopsis: lo spettacolo della fioritura dei cactus in Time lapse

b2ap3_thumbnail_Echinopsis_syncopation_810_20150824-165954_1.jpg

Il nome di questi cactus deriva dalla parola greca "echinos", che significa spinoso. Ne posseggo alcuni io stessa e aspetto con ansia, ogni estate, di godere della loro bellezza e del loro profumo inebriante.

 

Continua a leggere