[Alt-Text]
  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Accesso
    Login Modulo Login
Veronica Caciagli

Veronica Caciagli

@VeronicaClima su Twitter e Facebook: la mia mission è quella di contribuire ad accelerare la transizione a un futuro low carbon e vincere la sfida del clima. Al momento mi occupo principalmente di comunicazione online e social media specializzata per aziende della green economy. Nel 2011 ho contribuito a fondare l'Italian Climate Network, il movimento italiano per il clima... per il profilo completo, visita www.veronicaclima.it!

di Veronica Caciagli  - VeronicaClima su TwitterFacebook e Google+

Eccola, è arrivata: puntuale come le previsioni sulla fine del mondo, anche quest’inverno abbiamo la bufala della nuova era glaciale in arrivo. Questa volta, a decretarne l’inizio sarebbe un professore messicano, Victor Manuel Velasco Herrera. Riconoscere notizie infondate sul clima non è un esercizio banale, purtroppo, perchè richiederebbe una serie importante di nozioni, conoscenze e argomentazioni, che chiaramente solo uno scienziato di pari livello può possedere. Ecco come riconoscere una bufala sul clima, con l'aiuto del Manuale Antibufala dell'Italian Climate Network,

Commenti recenti - Mostra tutti i commenti
  • Stefano
    Stefano dice #
    ma come dopo tanti anni di tartassamenti mentali del tipo, entro il 2010 il polo nord si sarebbe sciolto e il livello del mare inn
  • Velasco Herrera Victor
    Velasco Herrera Victor dice #
    Entre elas deve ser lembrado Víctor Manuel Velasco Herrera, que é um pesquisador acadêmico bem conhecido do Instituto de Geofísica
  • manblack
    manblack dice #
    sapete solo fare il lavaggio del cervello con questo riscaldamento globale ! Non esiste !! e tutta una truffa per tassare i paesi

alluvione sardegna clima 2013 600x

Prima si diceva “bisogna che ci scappi il morto” per cambiare qualcosa in Italia; adesso sembra che in Italia i morti non bastino più. Ci sono già stati i disastri delle Cinque Terre, di Genova, di Messina, di Grosseto, per citare solo alcune delle molte alluvioni che hanno causato morti, eppure ancora una volta ci troviamo di fronte a un disastro ambientale annunciato.



Uno al giorno: il nuovo cortometraggio prodotto da Greenpeace punta il dito verso le morti premature causate dal carbone delle centrali ENEL in Italia. Sono 366 all'anno, uno al giorno. Il corto, con la regia di Mimmo Calopresti, musica dei Subsonica e un cast d'eccezione formato da Alessandro Haber, Pino Quartullo e Sandra Ceccarelli, è stato presentato giovedì scorso alla Casa del Cinema di Roma in occasione dell'inizio del Festival Internazionale del Film.

Inviato da il in Clima
Thanks to www.tcktcktck.org.

Thanks to www.tcktcktck.org.
Vogliamo che i nostri figli vivano in un mondo senza la forza distruttiva dei cambiamenti climatici.” ha dichiarato Obama nel messaggio per la vittoria delle elezioni americane.



"Ho sentito che indossa mutande magiche", pensa Homer Simpson prima di decidere per chi votare tra Obama e Romney in una nuova puntata del telefilm. Ma che cosa pensano i candidati presidenti degli Stati Uniti sulle politiche internazionali sul clima? Beh, non ci è dato di saperlo.

http://www.romaitalialab.it/pioggia-di-stelle-per-il-natale-di-roma/
In questi giorni a Roma parlare del tempo non è un modo banale di riempire un vuoto nelle conversazioni: lunedì la città ha aspettato il passaggio della tanto attesa perturbazione “Cleopatra” che avrebbe dovuto portare un pericoloso nubifragio. Su avvertimento delle autorità, molte persone non sono uscite, e c'è chi ha chiesto di lavorare da casa o ha rimandato impegni: la giornata è stata invece soleggiata, con qualche nuvola e pioggia leggera sparsa durante il giorno, con una burrasca in tarda serata. Insomma, niente a che vedere con l'alluvione dello scorso anno, né tanto meno catalogabile come “fenomeno atmosferico estremo”. Come è potuto succedere?

Recente commento in questo post - Mostra tutti i commenti
  • Non era un nubifragio... e non si chiamava Cleopatra! Il parere di Luca Lombroso - AltroClima, AltraEnergia | Eco Connection | Scoop.it
    Non era un nubifragio... e non si chiamava Cleopatra! Il parere di Luca Lombroso - AltroClima, AltraEnergia | Eco Connection | Scoop.it dice #
    [...] Non era un nubifragio... e non si chiamava Cleopatra! Il parere di Luca Lombroso - AltroClima, Altr... From blog.g

Ieri ho raccontato alla mia cuginetta Rebecca del mio lavoro: di solito mi riparo dietro alla definizione «comunicazione ambientale», aggiungendo la specializzazione in clima ed energia, ma per una ragazzina di 11 anni queste parole non hanno senso. Le ho detto che mi occupo di clima, mi ha chiesto se potevo prevedere il tempo: le ho spiegato che c'è una differenza fondamentale tra meteo, ovvero lo stato dell'atmosfera nel breve periodo in pochi giorni, e il clima, che si definisce in un periodo sufficientemente lungo. «Non posso sapere se il prossimo Natale a Rimini pioverà, ma posso scommettere che non andrete al mare a fare il bagno!».

Cerca

Scarica GRATIS il calendario "di stagione" 2015

Social