Informarsi

Il Malawi ha fame e sete: stato di emergenza per la siccità provocata da El Niño

  • Scritto da Lisa V.

malawi 000

Mesi di siccità e di inondazioni causati da El Niño, con il conseguente crollo della produzione agricola locale, hanno spinto il presidente del Malawi a dichiarare lo stato di emergenza in tutto il paese africano. Un caso non isolato: nelle ultime settimane, la situazione si è fatta piuttosto critica in tutta l’Africa sud-orientale, con milioni di persone che rischiano la fame. Un disastro umanitario annunciato, che si sta consumando nel silenzio pressoché totale dei media occidentali.

L'orrore del delfino arpionato e ucciso in Sardegna

  • Scritto da Germana Carillo

delfino arpione

Un delfino arpionato e ucciso: accade per mano di ignoti sulle coste della Sardegna. Settimana scorsa sulla spiaggia di Cann’e Sisa, nei pressi dell’Area marina Protetta di Capo Carbonara, nel cagliaritano, era stato segnalato con un arpione conficcato nel dorso un delfino maschio di 3 metri della specie Tursiope, abituato a frequentare le acque sotto costa. E ora il WWF ha inviato un esposto contro ignoti presso la procura di Cagliari perché vengano individuati i responsabili.

Referendum trivelle: cosa cambia da oggi e perché 14 milioni di italiani hanno votato SI

  • Scritto da Francesca Mancuso

referendum trivelle bufale

Referendum trivelle. L'esito di certo non è stato a favore dell'ambiente ma all'indomani della consultazione si tirano le somme e si fanno bilanci. Anche se gli sforzi a sostegno del SI erano stati tanti, a prevalere è stato l'astensionismo. Ma mettendo da parte l'amarezza del primo momento, occorre riflettere sul messaggio che quei SI – non pochi – hanno lanciato al Paese sul futuro energetico italiano.

Allarme sversamento di petrolio a Genova per la rottura di un oleodotto (VIDEO)

  • Scritto da Marta Albè

petrolio genova 2

Allarme sversamento di petrolio a Genova per la rottura di un oleodotto. Il referendum sulla durata delle concessioni per l’estrazione di gas e petrolio in mare non ha raggiunto il quorum. A poche ore dalla conclusione delle votazioni l’Italia si trova subito a fare i conti con i gravi danni che il petrolio può causare all’ambiente. Uno strano scherzo del destino?

×

Abbonati GRATIS alle Newsletter di greenMe.it!