Oggi è la Giornata mondiale delle zone umide (#WorldWetlandsDay)

  • Scritto da Germana Carillo

cascate vittoria wwf

Si celebra oggi in tutto il mondo la Giornata delle Zone Umide, il World Wetlands Day. Fu infatti il 2 febbraio del 1971 il giorno in cui fu sottoscritta la Convenzione di Ramsar che ha sancito la tutela, a livello mondiale, di queste aree fondamentali per la conservazione della biodiversità, ma altrettanto fragili e delicate. Tutela che proprio in questi giorni ha raggiunto gli oltre 100 milioni di ettari in tutto il mondo.

Doomsday clock: ancora tre minuti alla catastrofe globale

  • Scritto da Francesca Mancuso

doomsday 2015

Tre minuti alla mezzanotte. Se la fine del mondo arrivasse a quell'ora, oggi mancherebbero appena 180 secondi. A lanciare il nuovo allarme è stato il team del Bulletin of Atomic Scientists. Secondo gli scienziati, la lancetta dei minuti del Doomsday Clock rimarrà ferma, come lo scorso anno, sui 3 minuti alla mezzanotte.

Addio Corpo Forestale dello Stato: chi ci proteggerà da ecomafie ed ecoreati?

  • Scritto da Roberta De Carolis

­­­­­­­

Corpo Forestale

Il Corpo Forestale dello Stato non esiste più: nonostante gli appelli e le petizioni la decisione è presa. Il Governo ha predisposto una norma che accorpa il Corpo ad altre forze di Polizia, cioè di fatto, lo smembra. La gran parte dei forestali dovrebbero andare ai Carabinieri, ma il passaggio sarà solo su base volontaria e una parte di competenza andrà alla Guardia di Finanza.

Leonardo Di Caprio dice no all'olio di palma: fermiamo la devastazione delle foreste

  • Scritto da Francesca Mancuso

leonardodi caprio

Leonardo DiCaprio, ancora lui. Dal Forum di Davos, l'attore americano ha annunciato che investirà 3,4 milioni di dollari in Ecuador per aiutare le popolazioni colpite dal disastro petrolifero di Chevron e per sostenere diversi gruppi ambientalisti. E gli investimenti della fondazione, com'era già stato annunciato, sosterranno anche i progetti di sostenibilità volti a tutelare le foreste pluviali di Sumatra, devastate dagli incendi e dall'industria dell'olio di palma.