OpenKnit2

Produrre abiti fai-da-te in un'ora senza per forza imparare a lavorare a maglia, ma sfruttando la tecnologia. La nuova frontiera della moda fatta in casa è OpenKnit, la nuova stampante 3D per l'abbigliamento. Rigorosamente open-source, essa è in grado di trasformare un disegno digitale in un abito in circa 60 minuti.

Leggi tutto: Stampa 3D: abiti creati in un'ora con il nuovo sistema fai-da-te open source

dolpi logo

Possono degli occhiali essere costruiti in legno? Sì, a patto che "sostenibilità" sia la parola chiave. Un'azienda del bellunese, la Mavima Bautec Srl, ha ideato e progettato l'originale occhiale DOLPI, che dice addio alla plastica e sceglie il legno amico delle foreste. 

Leggi tutto: Dalle Dolomiti i primi occhiali interamente in legno certificato

greenpeace fashion cover

Milano Fashion Week 2014, un'occasione per riflettere sull'impatto dell'alta moda su ambiente e salute. Anche quest'anno Greenpeace ha deciso di intervenire, con un fuori programma, in occasione dell'apertura della settimana della moda milanese. Gli attivisti di Greenpeace sono entrati in azione nella Galleria Vittorio Emanuele per chiedere alle più importanti case dell'alta moda di eliminare le sostanze pericolose dai propri abiti.

Leggi tutto: Milano Fashion Week 2014: fuori programma di Greenpeace per chiedere una moda libera da sostanze...

tappobag cover

I tappi di bottiglia, insieme ad altri materiali riciclati, si trasformano in una delle materie prime principali per creare borse fashion e altri accessori alla moda. Il progetto TappoBag è stato lanciato in Italia, nel 2012, ed ora sta spopolando non soltanto nel nostro Paese, ma anche all'estero, grazie all'originalità delle creazioni proposte.

Leggi tutto: TappoBag: le borse fashion dal riciclo creativo dei tappi di bottiglia

GP0STO6DG press

Sostanze tossiche negli abiti per bambini. La spinosa questione torna alla ribalta mentre la Settimana della Moda di Milano è ormai alle porte. Greenpeace presenta oggi il  nuovo rapporto che rivela la presenza di sostanze tossiche pericolose nel vestiti per bambini, che coinvolge anche alcuni marchi dell'alta moda, come Dolce&Gabbana, Versace e Louis Vuitton.

Leggi tutto: Fashion Is Toxic: sostanze tossiche negli abiti griffati per bambini Made In Italy

pellicce-greenwashing

Moda etica: Inditex (Industrias de Diseño Textil Sociedad Anónima) aderisce al Fur Free Retailer Program, lo Standard realizzato a livello internazionale che identifica le aziende impegnate contro lo sfruttamento degli animali per la loro pelliccia. 

Leggi tutto: Pellicce: Zara e Berska diventano fur free

fabbrica cinese

Sesto Fiorentino, via de' Cattani località Osmannoro: un capannone di una fabbrica cinese ha preso fuoco stanotte alle 3. Dal ritrovamento di alcuni contenitori di alcol etilico si è aperta la pista dolosa e con essa un nuovo avvilente quadro sulla illegalità di molte delle attività commerciali e produttive dirette proprio dai cinesi.

Leggi tutto: Firenze: nuovo incendio in una fabbrica lager cinese

carmina campus 1

Moda e riciclo, ecco un binomio ormai ben noto. Non è però così scontato che ad avvicinarsi ai materiali di recupero sia l'alta moda, che appare così lontana dall'ecosostenibilità e che nella maggior parte dei casi si serve di tessuti e di materie prime di grande valore. Qualcosa sta cambiando e anche le case di moda più importanti hanno iniziato a cambiare prospettiva.

Leggi tutto: Carmina Campus di Fendi: anche l'alta moda ricicla l'alluminio

street store

Dare ai senzatetto la stessa dignità di coloro che possono permettersi di acquistare degli abiti. Ecco l'obiettivo di The Street Store, il primo negozio temporaneo di abbigliamento dedicato ai più poveri. Offre abiti gratis e consigli per scegliere i capi della giusta taglia. L'iniziativa è nata in Sudafrica e potrebbe essere imitata altrove nel mondo.

Leggi tutto: The Street Store: il primo negozio temporaneo di abbigliamento per i poveri e i senzatetto

Cerca

Social

La mia Casa Ecopulita