Telelavoro: la guida per salvare l'ambiente restando a casa

telelavoro2

Decisi a comportarvi in modo più rispettoso verso l'ambiente anche in relazione all'ambito lavorativo avete abbandonato la vostra auto o il vostro scooter per pedalare o prediligere i trasporti pubblici, ma non avete mai pensato a quanto effettivamente potreste essere "green" lasciandovi alle spalle l'ufficio e reimpostando da casa il vostro lavoro? Oltre che essere un'ottima soluzione alla diminuzione del pendolarismo, del traffico e di conseguenza alla riduzione dell'emissione di carbonio, il lavoro da casa può aiutarci a migliorare il nostro stile di vita e, se attenti ad alcuni piccoli accorgimenti, anche a mantenerci in forma sia mentalmente che fisicamente.

I benefici ambientali ed emozionali sono infiniti, quindi se pensate che sia il caso di far fruttare il tempo impiegato negli spostamenti, se siete più produttivi al di fuori della tradizionale giornata lavorativa 9-18, o se siete stati appena (purtroppo) licenziati, il lavoro da casa può essere la risposta. E se indossare il pigiama tutto il giorno, può sembrare il massimo, attenti a non intristirvi! Essenziale è creare e mantenere un ambiente di lavoro sano e soprattutto pianificare break per aiutare corpo e mente a rimanere in movimento tutto il giorno.

La prima cosa da fare è convincere il capo a riformattare il vostro attuale lavoro d'ufficio comodamente a casa, anche se solo uno o due giorni alla settimana può dare un grande impatto positivo sull'ambiente. Nonostante in questi giorni con l'aumento dei prezzi del petrolio e soprattutto con l'aumento della consapevolezza delle persone, il telelavoro sta guadagnando mindshare, i datori di lavoro sull'argomento sono ancora molto restii. Secondo un sondaggio della CIO Insight Research sulla mobilità, il 51% dei dirigenti intervistati ha dichiarato di scoraggiare il telelavoro full-time. Su un numero di 237 intervistati solo il 24% accorderebbe il telelavoro ai suoi dipendenti ma solo part-time.

Ovviamente per i lavoratori le cose stanno diversamente soprattutto nel settore IT dove il telelavoro sembrerebbe più produttivo. Ed in effetti in un sondaggio di 1500 lavoratori il 37% accetterebbe una riduzione del salario fino al 10% se potesse lavorare da casa! Quanta benzina si risparmierebbe! Ma soprattutto quanti grammi di polveri sottili in meno al giorno ci eviteremmo di inalare?

Se il vostro capo è dunque uno dei tanti che non sono disposti a lasciare che i dipendenti lavorino da casa allora potrebbe essere il momento di cercare una posizione più adatta alle vostre esigenze, diventare un libero professionista o consulente nel vostro campo. Ancor meglio potreste buttarvi in un nuovo ed eccitante green-job senza lasciare la vostra casa e magari se vi siete trovati in una posizione in cui le vostre aspettative e convinzioni di una vita più eco-sostenibile entravano in contraddizione con il vostro lavoro, allora è arrivato il momento di iniziare a pensare alla ricerca di un lavoro finalmente tutto dedicato al green!

Un'idea ce la fornisce Van Jons nel suo nuovo libro The Green Collar Economy, prevede un futuro lavorativo più verde iniziando proprio da oggi che il mercato è in crisi. E 'giunto il momento di dare maggiore sostegno agli eco-imprenditori ai produttori di energia pulita, a chi si occupa della bio-edilizia, ai colletti-verde, e soprattutto ai consumatori. "Abbiamo la possibilità ora di creare nuovi mercati, nuove tecnologie, nuove industrie, e una nuova forza lavoro .Un buon salario e pari opportunità finalmente per coloro che pensano ad una economia basata sul non inquinamento, pronti a rivendicare il loro pezzo di torta nell'espansione del green nel mercato del lavoro e credere che migliaia di posti di lavoro possano nascere grazie alla green-economy".

Oltretutto gli stipendi per chi già lavora nel settore sembrano superiori alla media. Ma come si fa a capire se uno dei nuovi o già esistenti green-jobs sia adatto alla vostra personalità? E soprattutto come si fa a trovare il giusto posto di lavoro nel settore green? Sono le nostre scelte a guidare il mercato ed è meglio porsi queste domande se pensate che è il momento di cambiare il mondo dal di dentro e che anche il vostro lavoro può fare la differenza per una giusta sostenibilità. Secondo una relazione pubblicata nel Maggio 2008 da BluGreenAlliance milioni di lavoratori negli Stati Uniti "hanno scelto di sconfiggere il riscaldamento globale e trasformare gli Stati Uniti in una economia verde ".

Ma se al momento preferite non fare scelte troppo azzardate ci sono moltissime altre decisioni che è possibile prendere per aumentare le vostre opportunità di essere più rispettosi dell'ambiente, dunque se una di queste è proprio quella di abbandonare l'ufficio e iniziare il vostro lavoro da casa ecco una piccola guida da seguire passo per passo.

Statistiche

  • 1 milione circa i cittadini italiani che lavorano fuori dall'ufficio;

  • 10 milioni i telelavoratori in Europa di cui :

  • 5 milioni abituali che operano da casa

  • 2,3 milioni che hanno un ufficio mobile (pc portatile e telefono cellulare)

  • 3 milioni telelavoratori occasionali

  • 10-11% percentuale di telelavoratori tra Lombardia e Lazio

  • programmatori, addetti ai call center, Webmaster, grafici, impiegati amministrativi, le professioni in cui è maggiormente diffuso il telelavoro

    Loading Player...
    Watching: Alimentazione (202 videos)
    Loading...
    Playlist: 0