[Alt-Text]

rimedi_contro_muffa

Muffa. Basta la parola per cambiare l’umore di una persona. Siete finalmente riusciti a trovare i soldi per acquistare la vostra casetta, vi aggirate fra le sue mura tutti contenti e soddisfatti, quand’ecco che con orrore la vedete. Istintivamente vi domanderete cosa avete sbagliato, ma il problema è molto più comune di quanto si pensi: quotidianamente moltissimi di noi pongono l’angosciosa domanda: “Come posso combattere la muffa?”, nella speranza che qualche conoscente gli suggerisca un’invenzione degna di Archimede Pitagorico.

Sfortunatamente, molti sedicenti esperti di manutenzione casalinga offrono come suggerimento l’utilizzo della candeggina. Nulla di più sbagliato: le sue componenti possono portare la muffa a diffondersi ulteriormente, peggiorando il problema invece di risolverlo.

La muffa altro non è che un fungo che si manifesta sotto forma di macchie verdi o nere sulla superficie dei muri o dei soffitti, sui bordi delle finestre, sui mobili o sui tappeti, in bagno, in cucina e ovunque vi sia un elevato tasso di umidità. Le cause della sua diffusione possono essere rintracciabili anche in sistemi di riscaldamento non installati correttamente o poco efficaci. Ma questo non è il solo disagio. La muffa emana tossine nell'aria, dannose per gli esseri umani: i loro effetti si manifestano attraverso un indebolimento del sistema immunitario e con l'apparizione di difficoltà respiratorie. Certo, questo funghetto può avere anche proprietà positive – è essenziale per realizzare il brie e la penicillina, per esempio – ma è davvero fastidiosa, specialmente quando si espande incontrollata nelle nostre case.

Partiamo allora da alcune considerazioni di base, per essere preparati a combattere la nostra “crociata” contro la muffa.

1) Anche la muffa ha fame

In fondo, è un essere vivente e, in quanto tale, ha bisogno di nutrirsi; ebbene, i bagni le offrono un ricco menu. Nelle docce e ai bordi delle vasche, per esempio, non è inusuale vederla crescere fra le linee di cemento. La muffa si ciba, infatti, dei depositi di materiali organici che espelliamo quando ci laviamo, e che vengono assorbiti dal cemento nel momento in cui ci risciacquiamo e facciamo schizzare l’acqua.

Soluzione: far morire di fame la muffa (e non sentirsi assassini…)

Passate un panno baganto sopra le mattonelle del vostro bagno una volta usciti dalla doccia, in modo tale che la muffa non abbia possibilità di iniziare a nutrirsi di eventuali residui. Questa semplice norma preventiva vi permetterà di evitare l’utilizzo di dannose sostanze chimiche per rimediare agli eventuali danni.

2) La muffa ha una cotta per l’umidità

Proprio come noi, non può vivere di solo cibo: ha bisogno anche di acqua, o meglio di vapore acqueo. Quando facciamo una doccia o un bagno caldo, il vapore si concentra sul soffitto, sulle pareti e perfino sulle piastrelle.

Soluzione: tenete il bagno asciutto con una ventola

Il miglior modo di evitare l’accumulo dell’umidità è installare una ventola in bagno. Probabilmente non sarà sufficiente dopo una lunga doccia: lasciate quindi la ventola accesa almeno 15 minuti dopo essere usciti dal bagno. Un timer sarebbe la soluzione ideale per essere sicuri di evitare inutili consumi energetici. 

Detersivo fai-da-te contro la muffa

Si sa, in tempo di crisi, è sempre bene risparmiare euro preziosi quand’è possibile: ecco quindi alcune indicazione rapide e semplici per preparare un detersivo contro la muffa comodamente in casa propria:

  • Ingredienti: 
  • 700ml di acqua,
  • 2 cucchiai di acqua ossigenata da 30/40 volumi, 
  • 2 cucchiai di bicarbonato di sodio  
  • 2 cucchiai di sale fino.

Preparazione

  • Sciogliete il bicarbonato e il sale fino nell’acqua, quindi versate tutto in uno spruzzino che abbia la capacità di almeno un litro, per poter contenere anche l’acqua ossigenata in espansione.

Versate in un flacone, aggiungete l’acqua ossigenata e agitate bene prima dell’uso. 

Applicate sulla superficie da trattare, magari aiutandovi con un vecchio spazzolino da denti per raggiungere i punti più difficili.

LEGGI anche: Muffa: 7 detergenti antimuffa fai-da-te

Altri accorgimenti da utilizzare

Se ancora non bastasse, ricordate di:

- arieggiare spesso le stanze più umide come bagno e cucina aprendo le finestre almeno una volta al giorno

- non asciugare i vestiti in casa

- non esagerare con le piante da appartamento e non annaffiarle troppo

- montare cappe di aspirazione per le cucine

- evitare armadi a muro troppo ingombranti

- tenere la doccia pulita: se ve ne occupate solo una volta all’anno, dovrete indossare occhialoni protettivi e sperare che qualcuno dall’alto vi protegga

- tinteggiare le pareti con pitture a calce, che evitano il proliferare delle spore.

Ora sapete cosa fare, quindi… al primo segnale di muffa, scatenate l’Inferno!

Serena Baronchelli

LEGGI anche:

Come togliere la muffa dalla tenda della doccia in modo naturale

 

8 minacce per la salute che possono annidarsi nelle nostre case

Come deumidificare casa senza comprare un deumidificatore

Commenti   

 
nun
-3 #19 nun 2013-10-30 17:09
Preparazione
Sciogliete il bicarbonato e il sale fino nell’acqua, quindi versate tutto in uno spruzzino che abbia la capacità di almeno un litro, per poter contenere anche l’acqua ossigenata in espansione.
Versate in un flacone, aggiungete l’acqua ossigenata e agitate bene prima dell’uso.
Applicate sulla superficie da trattare, magari aiutandovi con un vecchio spazzolino da denti per raggiungere i punti più difficili.
Scusa Serena, dopo aver spruzzato il detersivo fai da te cosa bisogna fare? aspettare, strofinare etc...
grazie
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
nun
+1 #18 nun 2013-10-30 17:07
Preparazione
Sciogliete il bicarbonato e il sale fino nell’acqua, quindi versate tutto in uno spruzzino che abbia la capacità di almeno un litro, per poter contenere anche l’acqua ossigenata in espansione.
Versate in un flacone, aggiungete l’acqua ossigenata e agitate bene prima dell’uso.
Applicate sulla superficie da trattare, magari aiutandovi con un vecchio spazzolino da denti per raggiungere i punti più difficili.
Scusa Serena,
dopo aver spruzzato questo detersivo fai da te, cosa bisogna fare? tipo aspettare un tot di tempo, passare uno straccio etc..... grazie
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Daniele
0 #17 Daniele 2013-07-17 10:01
Da Wikipedia:

".... l'ipoclorito di sodio è un sale pentaidrato (NaClO·5 H2O) che fonde a circa 18 °C ed è particolarmente instabile. Sia per sfregamento che per riscaldamento a temperature superiori a 35 °C può decomporsi in maniera anche violenta. Proprio per questo non viene mai commercializzato ed impiegato puro. Viene invece usato in soluzione acquosa, a concentrazione generalmente non superiore al 25%. "

Mi sembra strano che Raffaella l'abbia utilizzato puro al 100%.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Raffaella
0 #16 Raffaella 2013-05-23 15:44
con questa ricetta ho rovinato due spruzzatori e non ho assolutamente tolto la muffa, che ormai dopo miriade di prove ritengo si possa combattere anche se non in via definitiva, ma comunque per un periodo di tempo abbastanza lungo, esclusivamente con l'ipoclorito di sodio al 100% - la candeggina ha solo il 5% di ipoclorito di sodio. E poi ho notato che esistono diversi tipi di muffa. Quella dello scorso anno (solo tanti punti neri fittissimi) si poteva eliminare con solo aceto, quella di quest'anno (reticolare) non la si toglie nemmeno con la candeggina ma solo con l'ipoclorito di sodio al 100%.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Sara Cabriolu
+2 #15 Sara Cabriolu 2013-04-04 16:09
riesco a togliere la muffa che si forma regolarmente tutti gli anni nel soggiorno , esposto a nord, solo ed esclusivamente con la varecchina pura , imbevendo uno straccio non troppo grande e passandolo su tutta la parete. nel soggiorno non cucino ,apro regolarmente le finestre la mattina creando corrente, ma non c'è niente da fare a, tutti gli anni a metà gennaio dopo qualche giorno di pioggia e da un giorno all'altro compare lei la MUFFFFFFFA. in cucina non ne ho mentre nel bagno idem come sopra. molte persone mi hanno detto che dipende dagli infissi in PVC e dal fatto che in casa non ho il riscaldamento. sta di fatto che per una maniaca della pulizia sta diventando un incubo . prima che ristrutturassi casa non ho mai avuto muffa adesso ho infissi bellissimi ma non traspiranti e in piu la muffa !!!!!!
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
martina
+5 #14 martina 2013-03-29 16:30
Citazione dario:
ma come si fa a dire che la candeggina fa sviluppare ulteriore muffa???? e poi come si fanno a coprire le mattonelle del bagno??? mai sentite tante assurdità tutte insieme! :-)

Saranno anche fesserie ma con la candeggina in effetti non ho mai risolto niente. Una cosa che ho notato aiuta molto è bruciare olio essenziale di Lavanda. Questa è un antibatterico naturale. Quando me lo consigliarono ero molto scettica ma l'ho provato (tanto, metodo più metodo meno!) e la muffa si è fermata! si proprio così, quella nera è diventata grigio marroncina e non se ne forma di nuova da un anno. E quell'odore tipico della muffa è sparito. Ora uso profumi per ambienti e armadi solo alla lavanda. Provare per credere. (certo ci vuole perseveranza)
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Adriana
-3 #13 Adriana 2013-03-18 16:39
proverò anche questa ricettina, sperando che funzioni!!
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Adriana
-2 #12 Adriana 2013-03-18 16:37
Anche io ho da un pò di tempo ho problemi con la muffa, ci ho provato anche con l'alcol che qualcuno mi ha consigliato ma ho notato che comunque torna, ora proverò anche questa ricettina, spero in bene, perchè la mia stanza da letto si sta riempendo, e io sono sicura che ho avuto dei problemi respiratori proprio per questo...speriamo bene...
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Giovanni Maria Farina
-9 #11 Giovanni Maria Farina 2013-02-24 09:48
E' possibile risolvere il problema dell'umidità e della muffa in casa, quando è causata dalla risalita capillare dell'acqua su per le murature, con una nuova tecnologia naturale, biocompatibile e reversibile.
E' un dispositivo che non richiede alcun intervento tecnico e funziona sulla base di un principio di fisica quantistica che è in grado di gestire le molecole dell'acqua nei muri senza emanazioni di campi elettromagnetici o altro che possano alterare l'equilibrio dell'ambiente.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Katy
+3 #10 Katy 2013-02-08 11:58
pessime informazioni..fosse così facile, nessuno avrebbe più problemi di muffa.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Anna Rizzello
0 #9 Anna Rizzello 2013-02-02 00:51
La mia casa è umida perché a pian terreno e la palazzina è stata costruita negli anni venti. Dovrei fare lavori strutturali. Come fare a cercare ditte specializzate nella bonifica muraria? Grazie per consigli e suggerimenti e pure indirizzi utili.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Io
-1 #8 Io 2012-10-06 22:07
Citazione Mauro:
Un piccolo appunto.
Tinteggiare con pittura a calce su malta premiscelata, non permette una buona traspirazione, in quanto è proprio la malta che sarebbe dovuta essere fatta come un tempo, anziché utilizzare le più economiche e sbrigative (in quanto necessitano di minor tempo perché il prodotto asciughi) a fare in modo che le nostre pareti non "respirino" a sufficienza. In poche parole è come se fossimo chiusi in una scatoletta, tanto per rendere l'idea.

Come si fa una buona malta per far traspirare il muro?
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
DANY
0 #7 DANY 2012-05-11 07:22
Scusate dove compro l'acqua ossigenata da 40 volumi???
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Mauro
+1 #6 Mauro 2012-02-26 16:23
Un piccolo appunto.
Tinteggiare con pittura a calce su malta premiscelata, non permette una buona traspirazione, in quanto è proprio la malta che sarebbe dovuta essere fatta come un tempo, anziché utilizzare le più economiche e sbrigative (in quanto necessitano di minor tempo perché il prodotto asciughi) a fare in modo che le nostre pareti non "respirino" a sufficienza. In poche parole è come se fossimo chiusi in una scatoletta, tanto per rendere l'idea.
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
dario
+20 #5 dario 2012-01-18 16:34
ma come si fa a dire che la candeggina fa sviluppare ulteriore muffa???? e poi come si fanno a coprire le mattonelle del bagno??? mai sentite tante assurdità tutte insieme! :-)
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Nicoletta
0 #4 Nicoletta 2011-12-14 11:08
Salve a tutti, mi chiedo invece se non basti invece arieggiare il bagno aprendo la finestra e facendo circolare l'aria...
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
begonia
+6 #3 begonia 2011-12-13 14:49
non ho capito come si possono coprire le mattonelle mentre si fa il bagno o la doccia...
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
Lorenzo
0 #2 Lorenzo 2011-12-13 12:13
Fantastici consigli, voglio soprattutto provare il detersivo... Ho una guerra aperta con la muffa ogni inverno...
Citazione | Segnala all'amministratore
 
 
silvia
0 #1 silvia 2011-12-13 11:12
per il bagno va bene anche un comune ventilatore??
Citazione | Segnala all'amministratore
 

Cerca

Social